Le aspettative sui default nell'high yield europeo vanno in controtendenza
Insights

Le aspettative sui default nell’high yield europeo vanno in controtendenza

- Le insolvenze nel mercato high yield europeo sono attualmente ai minimi storici

- Il miglioramento delle condizioni in diverse aree, dai livelli di rifinanziamento e dai prezzi del gas alla riapertura della Cina, concorre a sostenere l'ottimismo

- Ciò si traduce in un mutamento delle sorti di diversi settori, tra cui automotive e chimica

Con l’avvicinarsi della fine del primo trimestre 2023, il mercato high yield europeo continua a superare ogni aspettativa. Nel 2022 le prospettive per la classe di attivi erano leggermente preoccupanti: Deutsche Bank prevedeva un tasso d’insolvenza del 3,8%1. Nonostante le apprensioni, nell’ultimo anno i default hanno interessato meno dello 0,5% del mercato high yield europeo, una percentuale nettamente inferiore alla media a lungo termine, che sfiora il 2%. A ben vedere, il mercato sta ora convergendo verso uno scenario di insolvenze al 2% per il 2023, e di recente JP Morgan ha rivisto al ribasso il suo tasso di default2.

Questa tendenza può essere spiegata dall’interazione di una varietà di temi:

  • Il calo dei prezzi del gas naturale sulla scia di un inverno mite e degli sforzi europei di riempire gli impianti di stoccaggio del gas
  • La tenuta migliore delle attese dimostrata dai risultati societari
  • La spinta derivante dalla riapertura della Cina dopo la rimozione dei lockdown anti-Covid
  • La solidità dei bilanci aziendali, con una copertura degli oneri finanziari (rapporto EBITDA3/spesa per interessi) vicina ai massimi storici

Questi temi hanno avuto ricadute favorevoli in diversi settori. Nel 2021-2022 i produttori di accessori originali (“OEM”) per auto hanno risentito dei rincari delle materie prime e delle interruzioni delle catene di approvvigionamento seguiti al Covid e alle chiusure prolungate in Cina, ma ora queste criticità sono in via di risoluzione. Nel 2022 le case automobilistiche hanno beneficiato di un aumento della domanda che, superando la produzione vincolata dai problemi delle catene di fornitura, ha permesso loro di migliorare il mix di vendite con auto a più alto margine. In tal modo, i produttori hanno anche potuto alzare i prezzi, mantenendo al contempo uno stretto controllo sul trasferimento dei costi dai fornitori. All’inizio del 2023 le case automobilistiche presentano un consistente portafoglio ordini che dovrebbe sostenere la performance nonostante la crescente incertezza sulla domanda dei consumatori.

Anche il settore europeo della chimica ha beneficiato di questi temi. Guardando indietro, l’impennata dei prezzi del gas naturale registrata nel 2022 ha imposto agli utenti finali di ridurre le scorte; a tal fine, alcune imprese chimiche hanno optato per la chiusura degli impianti. Tuttavia, a marzo 2023 i prezzi del gas naturale sono scesi di oltre l’80% rispetto al picco4 e sono in calo di circa un terzo rispetto all’inizio del 2022. Lo scenario di profonda recessione ha smesso di destare i timori di un tempo e le imprese chimiche hanno beneficiato di una ripresa della domanda da parte del settore industriale. L’industria europea, dal canto suo, dovrebbe trarre vantaggio dal rafforzamento della domanda derivante dalla riapertura dell’economia cinese. INEOS, produttore britannico del comparto petrolchimico considerato un barometro del settore, ha indicato che il processo di riduzione delle scorte nei mercati finali è ormai agli sgoccioli e si aspetta condizioni di metà ciclo entro la fine del primo semestre di quest’anno: una buona notizia alla luce del contesto prevalente verso la metà del 2022.

Un’altra dinamica favorevole all’Europa è l’assenza di scadenze obbligazionarie imminenti nel 2023. Stando ai dati di metà marzo, meno di 13 miliardi di euro di obbligazioni giungeranno a scadenza nel corso di quest’anno. Tali emissioni rappresentano soltanto poco più del 2,5% del valore di mercato complessivo5: un importo molto gestibile alla luce dell’elevata liquidità, che compensa eventuali timori a breve termine. Su orizzonti più lunghi, il 2024 e il 2025 presentano maggiori difficoltà, con il 9% e il 15%, rispettivamente, del valore di mercato in scadenza6. Tuttavia, prevediamo che queste difficoltà saranno almeno in parte superate grazie al comportamento più prudente e proattivo degli emittenti, che affronteranno le loro scadenze a medio termine con largo anticipo. Le buone prospettive sul fronte dei default sono sostenute anche dagli accordi stretti dagli emittenti con gli investitori obbligazionari per estendere le scadenze attuali in cambio di incentivi finanziari.

Nel complesso, il mercato high yield europeo sta superando le aspettative grazie al concorso di una serie di fattori d’impulso che ne sostengono la capacità di tenuta a medio termine. Pur continuando a esercitare cautela nei confronti dei settori ciclici, come auto e prodotti chimici, la recente direzione di marcia ci sembra promettente.

14 Aprile 2023
Jake Lunness
Jake Lunness
Client Portfolio Analyst, High Yield and Emerging Market Debt
Share article
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Listen on Stitcher badge
Share article
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Le aspettative sui default nell’high yield europeo vanno in controtendenza

1Reuters, U.S. high yield defaults to peak at 10.3% in 2024 – Deutsche Bank, 7 June 2022

2JP Morgan, State of the high yield market, 5 January 2023

3EBITDA: earnings before interest, taxes, depreciation and amortisation

4Bloomberg, European Gas Is Stuck in Storage After Prices Sank From Peak, 13 February 2023

5Bloomberg/Columbia Threadneedle Investments’ analysis, as at 15 March 2023

6Bloomberg, as at 23 March 2023

Risk Disclaimer

Views and opinions have been arrived at by Columbia Threadneedle Investments and should not be considered to be a recommendation or solicitation to buy or sell any companies that may be mentioned.

The information, opinions, estimates or forecasts contained in this document were obtained from sources reasonably believed to be reliable and are subject to change at any time.

Engagement efforts outlined in this Viewpoint reflect the assets of a group of legal entities whose parent company is Columbia Threadneedle Investments UK International Limited and that formerly traded as BMO Global Asset Management EMEA. These entities are now part of Columbia Threadneedle Investments which is the asset management business of Ameriprise Financial, Inc. Engagement and voting services are also executed on behalf of reo® clients.

Analisi correlate

18 Giugno 2024

Roman Gaiser

Head of High Yield, EMEA

David Backhouse

Portfolio Manager, High Yield

High yield: ancora una volta fa ciò che dovrebbe

Nel mondo degli investimenti, il fascino dell'obbligazionario risiedeva nella sua capacità di fare ciò che doveva: offrire rendimenti stabili e affidabili.
Tempo di lettura - 5 min
29 Maggio 2024

Ruihan Wu

Risk Analyst

Joshua Kutin

Head Asset Allocation

L'high yield a bassa duration è il tassello mancante nelle strategie di gestione della liquidità?

Nel nostro studio esaminiamo se il rischio di portafoglio incrementale comportato dai titoli high yield a bassa duration sia in grado di migliorare l'efficienza del portafoglio.
Tempo di lettura - 3 min
16 Aprile 2024

Roman Gaiser

Head of High Yield, EMEA

Obbligazioni high yield: enfasi sulla scadenza più che sulla duration

La strategia CT (Lux) European Short-term High Yield Bond si concentra più sulla scadenza che sulla duration per gestire il rischio. Ciò comporta una minore sensibilità ai tassi d'interesse e un minor aumento della volatilità.
Tempo di lettura - 3 min
18 Giugno 2024

Steven Bell

Chief Economist, EMEA

Elezioni, tassi di interesse e mercati

Un anno record per le elezioni, ma cosa significa per i mercati?
Tempo di visione - 4 min
18 Giugno 2024

Roman Gaiser

Head of High Yield, EMEA

David Backhouse

Portfolio Manager, High Yield

High yield: ancora una volta fa ciò che dovrebbe

Nel mondo degli investimenti, il fascino dell'obbligazionario risiedeva nella sua capacità di fare ciò che doveva: offrire rendimenti stabili e affidabili.
Tempo di lettura - 5 min
4 Giugno 2024

Steven Bell

Chief Economist, EMEA

Politica, inflazione e tassi di interesse

Questa settimana è previsto il taglio dei tassi da parte della BCE.
Tempo di visione - 4 min
true
true

Risk Disclaimer

Views and opinions have been arrived at by Columbia Threadneedle Investments and should not be considered to be a recommendation or solicitation to buy or sell any companies that may be mentioned.

The information, opinions, estimates or forecasts contained in this document were obtained from sources reasonably believed to be reliable and are subject to change at any time.

Engagement efforts outlined in this Viewpoint reflect the assets of a group of legal entities whose parent company is Columbia Threadneedle Investments UK International Limited and that formerly traded as BMO Global Asset Management EMEA. These entities are now part of Columbia Threadneedle Investments which is the asset management business of Ameriprise Financial, Inc. Engagement and voting services are also executed on behalf of reo® clients.

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.

Conferma i tuoi dati e visita il centro preferenze

*Campi obbligatori

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova

Grazie. Ora puoi visitare il tuo centro preferenze per scegliere quali approfondimenti desideri ricevere via e-mail.

Per visualizzare e controllare quali approfondimenti ricevi da noi via e-mail, visita il tuo centro preferenze.