Le banche europee offrono un valore migliore rispetto a molti altri settori
Insights

Le banche europee offrono un valore migliore rispetto a molti altri settori

La solida redditività determinata dal livello ottimale dei tassi, che dovrebbe favorire utili soddisfacenti e una maggiore crescita degli impieghi, unita a un atterraggio morbido dell’economia, ci consente di rimanere sostanzialmente stabili sul settore negli anni a venire.

Noi di Columbia Threadneedle Investments riteniamo che l’intensità della ricerca sia fondamentale per prendere decisioni d’investimento informate. Il nostro team di analisti e ricercatori associati elabora ricerche originali e indipendenti che condividiamo e discutiamo con i gestori di portafoglio e i team d’investimento. In questo articolo ci concentriamo sul settore bancario europeo, ne analizziamo più dettagliatamente i vari elementi e spieghiamo come a nostro avviso dovrebbe evolversi nei prossimi due anni.

Redditività

Negli ultimi due anni la redditività delle banche è aumentata notevolmente. A livello aggregato, in Europa la redditività del capitale proprio (una misura della redditività delle banche) si trova
attualmente sui massimi degli ultimi 15 anni1 e ci aspettiamo che si stabilizzi intorno a questo livello nei prossimi due anni. Tale miglioramento è ascrivibile all’aumento dei tassi d’interesse
che ha sostenuto gli spread sui prestiti nuovi e (in molti casi) su quelli esistenti, ai rendimenti più elevati sui reinvestimenti dei portafogli obbligazionari e ai costi dei depositi relativamente bassi. Il reddito netto da interessi (NII) è cresciuto in media di circa il 50%, mentre i costi dei depositi sono stati decisamente meno sensibili all’aumento dei tassi. Nel 2024 il contesto di tassi più alti
più a lungo sostiene i margini d’interesse netti nel Regno Unito, in Scandinavia e nell’Europa meridionale. Tuttavia, i tassi dovrebbero iniziare a diminuire e riteniamo che si normalizzeranno intorno al 2%-3%, un livello ottimale che permetterà alle banche di coprire abbondantemente il proprio costo del capitale e imprimerà slancio alla crescita dei prestiti.

In Francia, ci aspettiamo che le banche nazionali evidenzino un miglioramento del reddito netto da interessi nel 2025, dopo essere state duramente penalizzate dall’aumento dei tassi negli ultimi due anni. Ciò è dovuto alla percentuale significativa di depositi legati all’inflazione, agli ampi portafogli di mutui a tasso fisso a lungo termine e alle leggi antiusura che frenano l’aumento dei tassi sui nuovi prestiti. Anche le banche olandesi hanno risentito del loro ingente mercato dei mutui a tasso fisso.

Tassi più bassi dovrebbero contribuire a stimolare l’erogazione di prestiti in tutta Europa a tassi probabilmente migliori di quelli presenti nei bilanci. La redditività potrebbe beneficiare anche del miglioramento di altre voci del conto economico, come la ripresa dei ricavi da commissioni e provvigioni in seguito al calo dei tassi, nonché di una maggiore attenzione ai costi. Ci aspettiamo inoltre un miglioramento delle performance delle banche in fase di ristrutturazione in Germania e in Svizzera.

Qualità degli attivi

Non prevediamo un deterioramento significativo della qualità degli attivi. Anche se ci sono potenziali sacche di pressione, queste non sono abbastanza rilevanti da cambiare la nostra opinione generale. Il costo del rischio dovrebbe salire su livelli normalizzati, in linea con le nostre aspettative per i tassi di insolvenza high yield su un periodo di 24 mesi (i prestiti high yield rappresentano circa un quinto del portafoglio prestiti). Inoltre, le banche hanno in bilancio
quasi un anno di accantonamenti per perdite su crediti, accumulati durante la pandemia, che possono utilizzare per compensare l’eventuale deterioramento della qualità degli attivi prima di
dover aumentare gli accantonamenti. I prestiti in sofferenza potrebbero evidenziare un modesto incremento laddove la pressione dell’aumento dei tassi è più evidente, ma il miglioramento delle condizioni di sottoscrizione in seguito alla crisi finanziaria globale, qualche garanzia governativa residua sui prestiti alle PMI a più alto rischio legata alla pandemia in alcune giurisdizioni e un
contesto economico più roseo di quanto paventato limitano il deterioramento. Le famiglie appaiono ancora solide e in gran parte dei mercati i mutui ipotecari residenziali non ci preoccupano più di tanto. Nonostante la presenza di alcune potenziali sacche di pressione tra i prestiti non garantiti, si tratta di una porzione relativamente limitata del portafoglio prestiti.

Esposizione agli immobili commerciali (CRE)

Il rischio in questo segmento resta significativo, ma in Europa l’esposizione delle banche è inferiore che negli Stati Uniti e riguarda perlopiù immobili commerciali europei. L’area di maggiore preoccupazione è rappresentata dalle piccole banche tedesche incentrate sui CRE. Per quanto riguarda gli istituti scandinavi, l’esposizione è elevata ma si concentra su crediti più sicuri e su porzioni della struttura del capitale che finora non hanno dato segni di deterioramento.

Paesi europei periferici

Si tratta di un’area ben posizionata visti i lunghi anni di riduzione dei livelli di indebitamento e il rafforzamento della cultura del rischio. Inoltre, si è registrata una crescita economica superiore alla media, sostenuta dai programmi di ripresa dell’UE e dagli strumenti fiscali collaudati dei governi, che possono essere impiegati rapidamente in caso di crisi, come accaduto durante la pandemia di Covid-19. Seppur ancora elevati, i livelli di indebitamento stanno gradualmente diminuendo.

Capitale

I livelli di capitalizzazione rimangono sui massimi pluridecennali, mentre i payout ratio sono elevati, intorno al 70% (ben al di sopra della media di lungo periodo), e potrebbero aumentare fino a raggiungere un livello paragonabile a quello delle grandi banche statunitensi. Questi livelli, abbinati a una forte redditività, forniscono alle banche buffer di rischio significativi per assorbire eventuali perdite impreviste. Prevediamo che i livelli patrimoniali delle banche rimarranno elevati o addirittura miglioreranno, con buffer ampi e superiori ai requisiti normativi, e che copriranno la modesta crescita dei prestiti prevista. Tutto ciò trova riscontro nella marcata sovraperformance registrata dalle banche nei mercati azionari nell’ultimo anno.

Offerta

L’offerta dovrebbe essere più equilibrata, in quanto le banche hanno ormai ampiamente sostituito i finanziamenti a basso costo della banca centrale provenienti dalle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (TLTRO) con obbligazioni garantite, depositi e alcune obbligazioni senior preferred, oltre a rispettare le nuove norme patrimoniali sulla capacità di assorbimento delle perdite tramite debito senior.

Valutazioni

Gli spread si sono ristretti in tutto l’indice delle obbligazioni societarie, anche se nel settore bancario la contrazione non è stata così pronunciata come in altri settori che offrono un valore relativo modesto. Le valutazioni delle obbligazioni Additional Tier 1 (AT1) o degli strumenti contingent convertible (CoCo bond) appaiono relativamente elevate rispetto all’indice high yield, ma ravvisiamo ancora un certo valore nei titoli Tier 2 e nel debito bancario senior.

Fusioni e acquisizioni (M&A)

Di recente abbiamo assistito a un ritrovato interesse per le attività di fusione e acquisizione (M&A), a fronte di una maggiore facilità di copertura dei costi del capitale per le banche, oltre a prospettive economiche più certe e a una maggiore chiarezza sulla qualità degli attivi. I dirigenti aziendali prevedono ormai uno scenario di tassi più bassi e cercano di proteggere i conti economici rivedendo le leve di costo e creando maggiori economie di scala. In Europa, le operazioni di M&A transfrontaliere rimangono una sfida vista l’incompiutezza del processo di Unione bancaria, dimostrata dalla mancanza di un fondo comune di garanzia dei depositi e della fungibilità di capitale e finanziamenti. Le ultime operazioni si concentrano sui mercati M&A interni, dove le sinergie di costo sono maggiori: nel Regno Unito, con Coventry Building Society che ha acquisito Coop Bank2 e Nationwide che sta acquisendo Virgin Money (in attesa dell’approvazione delle autorità di regolamentazione)3, e in Spagna tra BBVA e Banco Sabadell (benché l’operazione debba ancora essere approvata dagli azionisti e dalle autorità di regolamentazione)4.

I principi contabili rappresentano un fattore di ostacolo per le attività di M&A. Secondo l’International Financial Reporting Standard (IFRS) 9, le banche devono valutare il bilancio al valore di mercato (“mark to market”). In alcune giurisdizioni, come quelle dell’Europa meridionale, i portafogli obbligazionari a duration relativamente bassa, l’alta percentuale di prestiti a tasso variabile e l’orizzonte di breve termine dei portafogli di prestiti societari, unitamente alla prospettiva di tassi d’interesse più bassi, semplificano la matematica delle operazioni di fusione e acquisizione. Ciò è in contrasto con il nord dell’Europa, dove i portafogli prestiti hanno scadenze più lunghe. L’offerta presentata da BBVA per acquisire la connazionale e omologa di minori dimensioni Banco Sabadell ne è un buon esempio, anche se è troppo presto per dire se l’operazione andrà a buon fine. L’attenzione tornerà senza dubbio sul mercato italiano, dove le speculazioni sull’attività di M&A sono sempre dietro l’angolo e uno o più di questi istituti potrebbero essere oggetto di operazioni: Banco BPM, Monte dei Paschi di Siena e/o BPER, con Unicredit o addirittura Credit Agricole potenzialmente interessati a fare un’offerta. 

Conclusioni

Nel complesso, prevediamo che le prospettive fondamentali per il settore bancario europeo nei prossimi due anni rimarranno sostanzialmente stabili. L’atterraggio morbido dell’economia, le incoraggianti previsioni sulla redditività delle banche nonostante l’aspettativa di tassi più bassi e la ripresa della crescita dei prestiti corroborano questo scenario. In termini di bilanci, il capitale dovrebbe rimanere solido e, sebbene gli indicatori di qualità degli attivi potrebbero peggiorare, riteniamo che si tratti più che altro di una normalizzazione. L’offerta sarà probabilmente più bilanciata e, benché le valutazioni rimangano elevate, in considerazione del livello raggiunto dagli spread riteniamo che le banche continuino a offrire un valore leggermente migliore rispetto ad altri settori.

19 Giugno 2024
Rosalie Pinkney
Rosalie Pinkney
Senior Credit Analyst
Paul Smillie
Paul Smillie
Senior Credit Analyst, Investment Grade
Condividi l’articolo
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Listen on Stitcher badge
Condividi l’articolo
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Le banche europee offrono un valore migliore rispetto a molti altri settori

1 Tutti i dati si riferiscono alle analisi di Columbia Threadneedle Investments su relazioni societarie, a maggio 2024,
salvo diversa indicazione
2 The Co-operative Bank, The Co-operative Bank e Coventry Building Society, 24 maggio 2024
3 Nationwide, An update on Nationwide’s offer to buy Virgin Money, 24 maggio 2024
4 FT.com, BBVA launches hostile bid for Sabadell, 9 maggio 2024

Avvertenze

Per scopi di marketing. Esclusivamente ad uso di Investitori professionali e/o qualificati nella rispettiva giurisdizione (da non utilizzare o trasmettere a clienti al dettaglio). Le performance conseguite in passato non costituiscono un’indicazione di analoghi rendimenti futuri.

 

Il valore degli investimenti e il rendimento che ne deriva possono diminuire così come aumentare ed un investitore potrebbe non recuperare la somma investita. Columbia Threadneedle (Lux) I è una società di investimento a capitale variabile (Société d’investissement à capital variable, o “SICAV”) costituita secondo le leggi del Gran Ducato di Lussemburgo. Le emissioni, i riscatti e le conversioni delle diverse classi di azioni sono effettuati dalla SICAV. La società di gestione di Columbia Threadneedle (Lux) I è Threadneedle Management Luxembourg S.A., che è coadiuvata da Threadneedle Asset Management Ltd. e/o da società di sub-gestione selezionate. Questo materiale è a titolo informativo e non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di titoli o altri strumenti finanziari e non è volto ad offrire consigli o servizi di investimento. Si prega di leggere il Prospetto e le Informazioni Chiave per gli Investitori (KID) prima di investire. Le sottoscrizioni di un comparto devono essere effettuate unicamente in base al Prospetto informativo, ovvero alle Informazioni Chiave per gli Investitori (KID) e all’ultima relazione annuale o periodica, che possono essere richiesti gratuitamente presso il vostro consulente finanziario. Gli investitori dovrebbero prendere visione della sezione “Fattori di Rischio” del Prospetto per conoscere il rischio applicabile all’investimento per ciascun fondo. La documentazione summenzionata e i KID sono disponibili in Inglese, Francese, Tedesco, Portoghese, Italiano, Spagnolo e Olandese (si prega di notare che il Prospetto non è disponibile in Olandese). I documenti possono essere ottenuti gratuitamente su richiesta scrivendo alla società di gestione in 44, rue de la Vallée, L-2661, Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo, rivolgendosi all’International Financial Data Services (Luxembourg) S.A., 47, avenue John F. Kennedy, L-1855, Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo oppure sul sito internet della società www.columbiathreadneedle.it all’interno della sezione chiamata “Documenti legali”. Threadneedle Management Luxembourg S.A ha la facolta’ di decidere di interrompere gli accordi relativi alla commercializzazione della Sicav in conformità con la normativa Europea. Una sintesi dei diritti degli Investitori è disponibile alla pagina del nostro sito in Inglese.  Emesso da Threadneedle Management Luxembourg S.A. registrata presso il Registre de Commerce et des Societés (Luxembourg), Registered No. B 110242 44, rue de la Vallée, L-2661 Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo. Columbia Threadneedle Investments è il marchio globale di gruppo delle società Columbia e Threadneedle.

 

columbiathreadneedle.it

Analisi correlate

19 Luglio 2024

Paul Smillie

Senior Credit Analyst, Investment Grade

Christopher Hult

Portfolio Manager, Fixed income

Prospettive sul segmento investment grade EMEA, secondo semestre 2024

L’inflazione sta finalmente scendendo, le banche centrali sono pronte a tagliare i tassi e gli spread creditizi hanno resistito alla volatilità dei titoli di Stato. Cosa dobbiamo aspettarci ora?
Tempo di lettura - 1 min
18 Giugno 2024

Roman Gaiser

Head of Fixed Income and High Yield, EMEA

David Backhouse

Portfolio Manager, High Yield

High yield: ancora una volta fa ciò che dovrebbe

Nel mondo degli investimenti, il fascino dell'obbligazionario risiedeva nella sua capacità di fare ciò che doveva: offrire rendimenti stabili e affidabili.
Tempo di lettura - 5 min
29 Maggio 2024

Ruihan Wu

Risk Analyst

Joshua Kutin

Head Asset Allocation

L'high yield a bassa duration è il tassello mancante nelle strategie di gestione della liquidità?

Nel nostro studio esaminiamo se il rischio di portafoglio incrementale comportato dai titoli high yield a bassa duration sia in grado di migliorare l'efficienza del portafoglio.
Tempo di lettura - 3 min
24 Luglio 2024

Steven Bell

Chief Economist, EMEA

Come si comporterebbero i mercati sotto la presidenza Trump?

I mercati finanziari vedono ancora Donald Trump come il probabile vincitore nella corsa presidenziale americana, nonostante il ritiro di Joe Biden. Cosa potrebbe significare questo per i mercati?
Tempo di visione - 4 min
19 Luglio 2024

Paul Smillie

Senior Credit Analyst, Investment Grade

Christopher Hult

Portfolio Manager, Fixed income

Prospettive sul segmento investment grade EMEA, secondo semestre 2024

L’inflazione sta finalmente scendendo, le banche centrali sono pronte a tagliare i tassi e gli spread creditizi hanno resistito alla volatilità dei titoli di Stato. Cosa dobbiamo aspettarci ora?
Tempo di lettura - 1 min
12 Luglio 2024

PAC: Nuovi orizzonti e nuovi obiettivi

Quarto episodio della serie “Il futuro è alla portata di tutti” sui Piani di Accumulo.
Tempo di lettura - 1 min
true
true

Avvertenze

Per scopi di marketing. Esclusivamente ad uso di Investitori professionali e/o qualificati nella rispettiva giurisdizione (da non utilizzare o trasmettere a clienti al dettaglio). Le performance conseguite in passato non costituiscono un’indicazione di analoghi rendimenti futuri.

 

Il valore degli investimenti e il rendimento che ne deriva possono diminuire così come aumentare ed un investitore potrebbe non recuperare la somma investita. Columbia Threadneedle (Lux) I è una società di investimento a capitale variabile (Société d’investissement à capital variable, o “SICAV”) costituita secondo le leggi del Gran Ducato di Lussemburgo. Le emissioni, i riscatti e le conversioni delle diverse classi di azioni sono effettuati dalla SICAV. La società di gestione di Columbia Threadneedle (Lux) I è Threadneedle Management Luxembourg S.A., che è coadiuvata da Threadneedle Asset Management Ltd. e/o da società di sub-gestione selezionate. Questo materiale è a titolo informativo e non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di titoli o altri strumenti finanziari e non è volto ad offrire consigli o servizi di investimento. Si prega di leggere il Prospetto e le Informazioni Chiave per gli Investitori (KID) prima di investire. Le sottoscrizioni di un comparto devono essere effettuate unicamente in base al Prospetto informativo, ovvero alle Informazioni Chiave per gli Investitori (KID) e all’ultima relazione annuale o periodica, che possono essere richiesti gratuitamente presso il vostro consulente finanziario. Gli investitori dovrebbero prendere visione della sezione “Fattori di Rischio” del Prospetto per conoscere il rischio applicabile all’investimento per ciascun fondo. La documentazione summenzionata e i KID sono disponibili in Inglese, Francese, Tedesco, Portoghese, Italiano, Spagnolo e Olandese (si prega di notare che il Prospetto non è disponibile in Olandese). I documenti possono essere ottenuti gratuitamente su richiesta scrivendo alla società di gestione in 44, rue de la Vallée, L-2661, Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo, rivolgendosi all’International Financial Data Services (Luxembourg) S.A., 47, avenue John F. Kennedy, L-1855, Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo oppure sul sito internet della società www.columbiathreadneedle.it all’interno della sezione chiamata “Documenti legali”. Threadneedle Management Luxembourg S.A ha la facolta’ di decidere di interrompere gli accordi relativi alla commercializzazione della Sicav in conformità con la normativa Europea. Una sintesi dei diritti degli Investitori è disponibile alla pagina del nostro sito in Inglese.  Emesso da Threadneedle Management Luxembourg S.A. registrata presso il Registre de Commerce et des Societés (Luxembourg), Registered No. B 110242 44, rue de la Vallée, L-2661 Lussemburgo, Granducato del Lussemburgo. Columbia Threadneedle Investments è il marchio globale di gruppo delle società Columbia e Threadneedle.

 

columbiathreadneedle.it

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.

Conferma i tuoi dati e visita il centro preferenze

*Campi obbligatori

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova

Grazie. Ora puoi visitare il tuo centro preferenze per scegliere quali approfondimenti desideri ricevere via e-mail.

Per visualizzare e controllare quali approfondimenti ricevi da noi via e-mail, visita il tuo centro preferenze.