Infrastrutture sostenibili europee: in una condizione ideale
Insights

Infrastrutture sostenibili europee: in una condizione ideale

  • Le infrastrutture sono fondamentali per il buon funzionamento dell’economia e della società, ma gli attivi infrastrutturali non sono tutti uguali. Una diversificazione efficace è fondamentale per costruire un portafoglio difensivo e resistente, in linea con il tema ormai consolidato delle infrastrutture.
  • Nonostante il calo senza precedenti dell’attività economica e delle emissioni di carbonio, il riscaldamento globale non sta scomparendo. La necessità di accelerare la transizione verso un futuro a basse emissioni di carbonio si fa sempre più impellente.
  • L’incertezza è destinata a perdurare. Il nostro modo di vivere, lavorare, viaggiare e consumare è cambiato e ciò dovrebbe avere un impatto duraturo sul tipo di infrastrutture proposte e sulla loro attuazione.
  • Siamo convinti che la nostra tesi e la nostra strategia di investimento di lungo termine, incentrate sui temi della tecnologia, delle innovazioni dirompenti e della sostenibilità, siano ben posizionate per beneficiare del rapido cambiamento dell’ordine economico.

Durante le turbolenze del 2020 le infrastrutture sono apparse come un porto sicuro, dimostrandosi relativamente resilienti. Tuttavia, lo shock senza precedenti subito in un breve lasso di tempo da questa classe di attivi in tutti i paesi e settori di attività contemporaneamente ha fornito spunti di riflessione su diverse questioni:

In primo luogo, le infrastrutture sono fondamentali per il buon funzionamento dell’economia e della società, ma gli attivi infrastrutturali non sono tutti uguali. Ad esempio, i trasporti che dipendono dalla domanda, come gli aeroporti e le strade a pedaggio, hanno accusato il colpo più duro. L’energia rinnovabile ha espresso un buon andamento, nonostante un calo annuo della domanda di energia pari al 5%,1 mentre l’energia convenzionale e le rinnovabili escluso il settore dell’elettricità, come i biocarburanti, hanno sofferto maggiormente durante la crisi del Covid-19. Gli attivi sotto contratto e quelli regolamentati hanno beneficiato di una maggiore stabilità, mentre il comparto digitale è apparso come il principale vincitore. Tutto sta nel livello di sensibilità ai cicli economici, non nei riconoscimenti. Quest’anno ci ha ricordato che una diversificazione efficace è fondamentale per costruire un portafoglio difensivo e resistente, in linea con il tema ormai consolidato delle infrastrutture.
In secondo luogo, le infrastrutture continuano ad attirare un notevole interesse da parte degli investitori. La prospettiva di tassi d’interesse bassi per un periodo ancora più prolungato potrebbe persino aver incrementato l’attrattiva degli attivi in grado di generare flussi di cassa robusti. Nei primi nove mesi del 2020 la raccolta di fondi ha raggiunto quota 78,5 miliardi di dollari, il secondo tasso più alto dal 2015 per tale periodo.2 Inoltre, il tema della sostenibilità nel suo complesso gode del favore degli investitori: gli afflussi totali verso i fondi sui mercati pubblici hanno superato i 50 miliardi di euro nel terzo trimestre del 2020, una cifra pari al 40% di tutti i flussi dei fondi europei.3

Terzo, nonostante il calo senza precedenti dell’attività economica e delle emissioni di carbonio, il riscaldamento globale non sta scomparendo. La necessità di accelerare la transizione verso un futuro a basse emissioni di carbonio si fa sempre più impellente. Allo stesso tempo la pandemia ha messo in evidenza le disuguaglianze sociali e le fragilità delle società in cui viviamo. Il concetto secondo cui le aziende dovrebbero disporre di una “licenza sociale” per operare si è consolidato, rafforzando l’interesse degli investitori per l’investimento sociale. I governi europei hanno consacrato l’investimento infrastrutturale come mezzo per stimolare l’economia post-Covid adottando importanti pacchetti fiscali green.

La pandemia ha messo in evidenza le disuguaglianze sociali e le fragilità delle società in cui viviamo. Il concetto secondo cui le aziende dovrebbero disporre di una “licenza sociale” per operare si è consolidato, rafforzando l’interesse degli investitori per l’investimento sociale

Quarto, l’incertezza è destinata a perdurare. Il nostro modo di vivere, lavorare, viaggiare e consumare è cambiato e ciò dovrebbe avere un impatto duraturo sul tipo di infrastrutture proposte e sulla loro attuazione. Il 2020 ha dimostrato che anche nel settore delle infrastrutture le transizioni possono avvenire a velocità supersonica. Le infrastrutture digitali sono un esempio perfetto: in seguito alla migrazione di massa verso il lavoro e lo studio da remoto, la domanda di dati si è moltiplicata. Ciò ha accelerato una tendenza strutturale in atto già da tempo, che vede le infrastrutture per telecomunicazioni diventare una componente fondamentale di un’economia funzionante. Per fare un esempio, un sondaggio di McKinsey4 stima che questa accelerazione dell’ordine di tre o quattro anni stia stimolando la crescita dei data center.

Dove crediamo di poter trovare valore nel 2021 per quanto riguarda le infrastrutture core? La risposta va ricercata nell’enorme portata degli investimenti necessari per raggiungere l’obiettivo europeo di una transizione energetica sostenibile

Alla luce di tutto ciò, siamo convinti che la nostra tesi e la nostra strategia di investimento di lungo termine, incentrate sui temi della tecnologia, delle innovazioni dirompenti e della sostenibilità, siano ben posizionate per beneficiare del rapido cambiamento dell’ordine economico.

Quindi, dove crediamo di poter trovare valore nel 2021 per quanto riguarda le infrastrutture core, che rappresentano il fulcro della strategia? La risposta va ricercata nell’enorme portata degli investimenti necessari per raggiungere l’obiettivo europeo di una transizione energetica sostenibile. Il Green Deal dell’UE propone di investire oltre 750 miliardi di euro5 a sostegno di questo tema, con iniziative incentrate su idrogeno, riscaldamento ed edifici, ricarica dei veicoli elettrici, stoccaggio di energia e batterie. Naturalmente, gran parte delle opportunità offerte da questi settori si trova nella fascia media del mercato.

Si tratta perlopiù di nuovi settori, tuttavia, aspetto ancora più importante, crediamo che gran parte dell’alfa verrà generato dagli investimenti in attivi in transizione: ossia attivi cosiddetti “brown” che forniscono servizi sociali ed economici essenziali, ma sono chiaramente intenzionati a partecipare alla transizione green.

Gli anni a venire si annunciano entusiasmanti. La forte spinta verso una ripresa green non può che rafforzare la nostra tesi d’investimento, dando luogo a maggiori opportunità.

14 Gennaio 2021
Ingrid Edmund
Ingrid Edmund
Gestore di portafoglio senior
Condividi l’articolo
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Listen on Stitcher badge
Condividi l’articolo
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Infrastrutture sostenibili europee: in una condizione ideale

Avvertenze:

Esclusivamente ad uso di Investitori professionali e/o qualificati (non utilizzare o trasmettere a clienti retail). Il presente documento ha fini pubblicitari.

 

Questo documento viene distribuito unicamente a scopo informativo e non deve essere considerato rappresentativo di un particolare investimento. Non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Investire comporta dei rischi, tra cui il rischio di perdita del capitale. Il capitale è a rischio. Il rischio di mercato può riguardare un singolo emittente, settore dell’economia, industria ovvero il mercato nel suo complesso. Il valore degli investimenti non è garantito e di conseguenza gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito. Gli investimenti internazionali comportano alcuni rischi e una certa volatilità in ragione della potenziale instabilità politica, economica o valutaria e di principi contabili e finanziari differenti. I titoli nominati nel presente documento sono forniti a scopo illustrativo, sono soggetti a variazioni e non vanno interpretati come una raccomandazione di acquisto o di vendita. I titoli esaminati potrebbero rivelarsi o meno redditizi. Le opinioni espresse sono valide alla data indicata, possono cambiare al mutare del contesto di mercato o di altre condizioni e possono differire da altre opinioni espresse da altre società consociate o affiliate di Columbia Threadneedle Investments (Columbia Threadneedle). Le decisioni di investimento o gli investimenti effettivamente realizzati da Columbia Threadneedle e dalle sue affiliate, per conto proprio o per conto di clienti, possono non riflettere necessariamente le opinioni espresse. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono una consulenza d’investimento e non tengono conto delle circostanze specifiche di ciascun investitore. Le decisioni di investimento dovrebbero essere sempre effettuate in funzione delle esigenze finanziarie, degli obiettivi, delle finalità, dell’orizzonte di investimento e della tolleranza al rischio di ciascun investitore. Le classi di attivi descritte potrebbero non essere idonee per tutti gli investitori. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri e nessuna previsione deve essere considerata come una garanzia. Le informazioni e le opinioni fornite da terze parti sono state ottenute da fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna garanzia in merito alla loro accuratezza e completezza. Il presente documento e i relativi contenuti non sono stati esaminati da alcuna autorità di regolamentazione.

 

Per EEA: emesso da Threadneedle Management Luxembourg S.A. Registrato presso il Registre de Commerce et des Societes (Lussemburgo), numero di registrazione B 110242, 44, rue de la Vallée, L-2661 Lussemburgo, Granducato di Lussemburgo.

 

Columbia Threadneedle Investments è il marchio commerciale globale del gruppo di società di Columbia e Threadneedle. columbiathreadneedle.com

Analisi correlate

12 Settembre 2022

William Davies

Global Chief Investment Officer

William Davies, Global CIO, analizza le condizioni del mercato azionario, obbligazionario e delle materie prime.

William Davies, Global CIO, analizza le condizioni del mercato azionario, obbligazionario e delle materie prime.
Watch time - 6 min
12 Settembre 2022

William Davies

Global Chief Investment Officer

William Davies, Global CIO, offre il suo punto di vista su emissioni zero, asset allocation, utili societari e settore tecnologico.

William Davies, Global CIO, offre il suo punto di vista su emissioni zero, asset allocation, utili societari e settore tecnologico.
Watch time - 6 min
12 Settembre 2022

William Davies

Global Chief Investment Officer

William Davies, Global CIO, analizza l’andamento dei mercati globali, la guerra in Ucraina e i timori di recessione.

William Davies, Global CIO, analizza l’andamento dei mercati globali, la guerra in Ucraina e i timori di recessione.
Watch time - 6 min

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.

Conferma i tuoi dati e visita il centro preferenze

*Campi obbligatori

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova

Grazie. Ora puoi visitare il tuo centro preferenze per scegliere quali approfondimenti desideri ricevere via e-mail.

Per visualizzare e controllare quali approfondimenti ricevi da noi via e-mail, visita il tuo centro preferenze.