Il Fondo Monetario Asiatico: chimera o realtà?
Insights

Il Fondo Monetario Asiatico: chimera o realtà?

Nell'attuale contesto geopolitico, un Fondo Monetario Asiatico (FMA) potrebbe dare ai paesi asiatici una voce più forte nei processi decisionali

  • La Cina vuole sfruttare la propria forza e ambizione per cambiare l’architettura finanziaria globale esistente, sfidando l’egemonia e l’autorità del Fondo Monetario Internazionale
  • Un Fondo Monetario Asiatico consentirebbe ai paesi della regione di diversificare i propri impegni finanziari, promuovendo l’autonomia, la solidità della rete di sicurezza e la stabilità dei mercati finanziari locali
  • Nell’attuale contesto geopolitico un Fondo Monetario Asiatico potrebbe dare ai paesi della regione maggiore voce in capitolo nel processo decisionale, riequilibrando così l’influenza delle istituzioni finanziarie globali dell’intera Asia

Nell’aprile 2023 il primo ministro della Malaysia, Anwar Ibrahim, ha riesumato l’idea di un Fondo Monetario Asiatico (FMA). La creazione di questo organo era stata prospettata per la prima volta nel 1997 dal Giappone, all’indomani della crisi finanziaria asiatica.1

Un Fondo Monetario Asiatico avrebbe quali obiettivi primari la promozione della stabilità finanziaria, l’offerta di linee di credito d’emergenza, la facilitazione degli accordi di swap su valute e il miglioramento della cooperazione regionale in ambito monetario e finanziario. Permetterebbe ai paesi asiatici di affrontare i problemi legati alla bilancia dei pagamenti, le crisi valutarie e le altre sfide finanziarie comuni a tutte le economie locali. La proposta era stata purtroppo accolta con freddezza per paura che potesse destabilizzare l’architettura finanziaria globale, pregiudicando l’autorità e l’efficacia del Fondo Monetario Internazionale. Tuttavia, la necessità di risolvere le vulnerabilità della regione non è svanita, anche perché le soluzioni proposte dal FMI non sono sempre necessariamente adatte a risolvere i problemi e le sfide specifiche dei paesi asiatici.

Il desiderio di maggiore autonomia finanziaria per la regione, di una più stretta cooperazione tra i paesi che la compongono e di una rete di sicurezza finanziaria più robusta nell’Asia hanno portato, nel 2010, al lancio della Chiang Mai Initiative (CMIM), un progetto che ha coinvolto l’Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) più Cina, Corea del Sud e Giappone, e alla creazione di vari accordi bilaterali di swap su valute. Numerosi membri hanno in seguito utilizzato questi accordi di swap per coprire fabbisogni di liquidità a breve termine – ad esempio la Thailandia e la Corea del Sud durante la crisi finanziaria globale del 2008-2009 e l’Indonesia, le Filippine e la Malaysia tra il 2013 e il 2014 per stabilizzare la volatilità dei rispettivi mercati finanziari.

Sebbene questi meccanismi contribuiscano alla cooperazione finanziaria della regione e forniscano un certo livello di supporto, risentono di limiti di copertura, vigilanza e capacità di gestione delle crisi rispetto a quelle che potrebbero essere le capacità di un vero e proprio Fondo Monetario Asiatico. Ad esempio, la Chiang Mai Initiative non include lo Sri Lanka e il Pakistan, paesi spesso vittime di crisi finanziarie malgrado la loro adesione a numerosi programmi dell’FMI. 

Nell’attuale contesto geopolitico un FMA è visto come un mezzo per ribilanciare l’influenza delle istituzioni finanziarie globali e dare ai paesi asiatici maggiore voce in capitolo nei processi decisionali, in particolare alla luce del significativo miglioramento registrato dalla qualità dell’istruzione e della governance dal 1997 ad oggi. Alcuni paesi asiatici ritengono che l’FMI tenda a favorire gli interessi occidentali e durante la crisi finanziaria asiatica avevano infatti rimostrato, perché le loro esigenze e problemi non erano stati tenuti in sufficiente considerazione. In effetti, secondo molti l’approccio “taglia unica” dell’FMI potrebbe essere più nocivo che utile.

Vista la forza della Cina e la sua volontà di acquisire un ruolo di maggior rilievo nel panorama finanziario globale, non sorprende che l’idea di un FMA abbia l’appoggio del Presidente Xi Jin Ping. Oggi la Cina è il più grande prestatore bilaterale del mondo e non si trova d’accordo con le condizioni dell’FMI. Ha espresso l’intenzione di fornire aiuto finanziario ai paesi insolventi, ma si aspetta anche che le istituzioni finanziarie multilaterali partecipino a queste ristrutturazioni. Senza la loro partecipazione, la Cina rifiuta di accettare uno sconto sul valore del debito nei negoziati di ristrutturazione assieme ad altri creditori privati. Invece, a gennaio 2023 Pechino ha offerto allo Zambia una moratoria biennale sul rimborso di debito e interessi e prosegue i negoziati con lo Sri Lanka per il ripianamento del debito.

Un Fondo Monetario Asiatico potrebbe inoltre aiutare la Cina a realizzare le sue ambizioni di internazionalizzazione del renminbi, specialmente alla luce del fatto che altri Paesi come Russia, Brasile e Unione europea stanno cercando di sottrarsi alla dipendenza dal dollaro statunitense.

Per gli investitori nel debito dei mercati emergenti la prospettiva di un FMA ha ripercussioni importanti. A breve termine, mentre pianifica la trasformazione dell’architettura finanziaria, Pechino potrebbe essere ancor più restia ad accettare sconti nelle ristrutturazioni del debito. Le trattative di rimborso del debito sovrano rischiano quindi di diventare ancora più complesse e lunghe di quanto non siano attualmente.

A medio termine, un nuovo Fondo Monetario Asiatico permetterebbe ai paesi della regione, e in particolare a quelli che non fanno parte della Chiang Mai Initiative, di diversificare gli impegni finanziari e ridurre la vulnerabilità a pressioni esterne e favoritismi indesiderati. Ciò potrebbe innescare un innalzamento dei rating dei rispettivi titoli sovrani, migliorando la resilienza delle relative valute. Allora perché non approfittarne, sfruttando quest’ulteriore strumento di protezione contro i momenti di crisi?

9 Agosto 2023
Lin Jing Leong
Lin Jing Leong
Senior Sovereign Analyst, Emerging Market Asia
Condividi l’articolo
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Listen on Stitcher badge
Condividi l’articolo
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Il Fondo Monetario Asiatico: chimera o realtà?

1 Nikkei Asia, Asian Monetary Fund idea revived amid U.S.-China row, aprile 2023

Avvertenze

Per scopi di marketing.

Esclusivamente ad uso di investitori professionali e/o a tipologie di investitori equivalenti nella propria giurisdizione (non utilizzare o trasmettere a clienti retail).

Questo documento viene distribuito unicamente a scopo informativo e non deve essere considerato rappresentativo di un particolare investimento. Non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Investire comporta dei rischi, tra cui il rischio di perdita del capitale. Il capitale è a rischio. Il rischio di mercato può riguardare un singolo emittente, settore dell’economia, industria ovvero il mercato nel suo complesso. Il valore degli investimenti non è garantito e di conseguenza gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito. Gli investimenti internazionali comportano alcuni rischi e una certa volatilità in ragione della potenziale instabilità politica, economica o valutaria e di principi contabili e finanziari differenti. I titoli nominati nel presente documento sono forniti a scopo illustrativo, sono soggetti a variazioni e non vanno interpretati come una raccomandazione di acquisto o di vendita. I titoli esaminati potrebbero rivelarsi o meno redditizi. Le opinioni espresse sono valide alla data indicata, possono cambiare al mutare del contesto di mercato o di altre condizioni e possono differire da altre opinioni espresse da altre società consociate o affiliate di Columbia Threadneedle Investments (Columbia Threadneedle). Le decisioni di investimento o gli investimenti effettivamente realizzati da Columbia Threadneedle e dalle sue affiliate, per conto proprio o per conto di clienti, possono non riflettere necessariamente le opinioni espresse. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono una consulenza d’investimento e non tengono conto delle circostanze specifiche di ciascun investitore. Le decisioni di investimento dovrebbero essere sempre effettuate in funzione delle esigenze finanziarie, degli obiettivi, delle finalità, dell’orizzonte di investimento e della tolleranza al rischio di ciascun investitore. Le classi di attivi descritte potrebbero non essere idonee per tutti gli investitori. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri e nessuna previsione deve essere considerata come una garanzia. Le informazioni e le opinioni fornite da terze parti sono state ottenute da fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna garanzia in merito alla loro accuratezza e completezza. Il presente documento e i relativi contenuti non sono stati esaminati da alcuna autorità di regolamentazione.

Per il SEE: pubblicato da Threadneedle Management Luxembourg S.A. Registrata presso il Registre de Commerce et des Sociétés (Lussemburgo), numero di iscrizione B 110242, 44, rue de la Vallée, L-2661 Lussemburgo, Granducato di Lussemburgo.

Columbia Threadneedle Investments è il marchio commerciale globale del gruppo di società di Columbia e Threadneedle.

Analisi correlate

18 Giugno 2024

Roman Gaiser

Head of High Yield, EMEA

David Backhouse

Portfolio Manager, High Yield

High yield: ancora una volta fa ciò che dovrebbe

Nel mondo degli investimenti, il fascino dell'obbligazionario risiedeva nella sua capacità di fare ciò che doveva: offrire rendimenti stabili e affidabili.
Tempo di lettura - 5 min
29 Maggio 2024

Ruihan Wu

Risk Analyst

Joshua Kutin

Head Asset Allocation

L'high yield a bassa duration è il tassello mancante nelle strategie di gestione della liquidità?

Nel nostro studio esaminiamo se il rischio di portafoglio incrementale comportato dai titoli high yield a bassa duration sia in grado di migliorare l'efficienza del portafoglio.
Tempo di lettura - 3 min
16 Aprile 2024

Roman Gaiser

Head of High Yield, EMEA

Obbligazioni high yield: enfasi sulla scadenza più che sulla duration

La strategia CT (Lux) European Short-term High Yield Bond si concentra più sulla scadenza che sulla duration per gestire il rischio. Ciò comporta una minore sensibilità ai tassi d'interesse e un minor aumento della volatilità.
Tempo di lettura - 3 min
18 Giugno 2024

Steven Bell

Chief Economist, EMEA

Elezioni, tassi di interesse e mercati

Un anno record per le elezioni, ma cosa significa per i mercati?
Tempo di visione - 4 min
18 Giugno 2024

Roman Gaiser

Head of High Yield, EMEA

David Backhouse

Portfolio Manager, High Yield

High yield: ancora una volta fa ciò che dovrebbe

Nel mondo degli investimenti, il fascino dell'obbligazionario risiedeva nella sua capacità di fare ciò che doveva: offrire rendimenti stabili e affidabili.
Tempo di lettura - 5 min
4 Giugno 2024

Steven Bell

Chief Economist, EMEA

Politica, inflazione e tassi di interesse

Questa settimana è previsto il taglio dei tassi da parte della BCE.
Tempo di visione - 4 min
true
true

Avvertenze

Per scopi di marketing.

Esclusivamente ad uso di investitori professionali e/o a tipologie di investitori equivalenti nella propria giurisdizione (non utilizzare o trasmettere a clienti retail).

Questo documento viene distribuito unicamente a scopo informativo e non deve essere considerato rappresentativo di un particolare investimento. Non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Investire comporta dei rischi, tra cui il rischio di perdita del capitale. Il capitale è a rischio. Il rischio di mercato può riguardare un singolo emittente, settore dell’economia, industria ovvero il mercato nel suo complesso. Il valore degli investimenti non è garantito e di conseguenza gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito. Gli investimenti internazionali comportano alcuni rischi e una certa volatilità in ragione della potenziale instabilità politica, economica o valutaria e di principi contabili e finanziari differenti. I titoli nominati nel presente documento sono forniti a scopo illustrativo, sono soggetti a variazioni e non vanno interpretati come una raccomandazione di acquisto o di vendita. I titoli esaminati potrebbero rivelarsi o meno redditizi. Le opinioni espresse sono valide alla data indicata, possono cambiare al mutare del contesto di mercato o di altre condizioni e possono differire da altre opinioni espresse da altre società consociate o affiliate di Columbia Threadneedle Investments (Columbia Threadneedle). Le decisioni di investimento o gli investimenti effettivamente realizzati da Columbia Threadneedle e dalle sue affiliate, per conto proprio o per conto di clienti, possono non riflettere necessariamente le opinioni espresse. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono una consulenza d’investimento e non tengono conto delle circostanze specifiche di ciascun investitore. Le decisioni di investimento dovrebbero essere sempre effettuate in funzione delle esigenze finanziarie, degli obiettivi, delle finalità, dell’orizzonte di investimento e della tolleranza al rischio di ciascun investitore. Le classi di attivi descritte potrebbero non essere idonee per tutti gli investitori. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri e nessuna previsione deve essere considerata come una garanzia. Le informazioni e le opinioni fornite da terze parti sono state ottenute da fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna garanzia in merito alla loro accuratezza e completezza. Il presente documento e i relativi contenuti non sono stati esaminati da alcuna autorità di regolamentazione.

Per il SEE: pubblicato da Threadneedle Management Luxembourg S.A. Registrata presso il Registre de Commerce et des Sociétés (Lussemburgo), numero di iscrizione B 110242, 44, rue de la Vallée, L-2661 Lussemburgo, Granducato di Lussemburgo.

Columbia Threadneedle Investments è il marchio commerciale globale del gruppo di società di Columbia e Threadneedle.

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.

Conferma i tuoi dati e visita il centro preferenze

*Campi obbligatori

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova

Grazie. Ora puoi visitare il tuo centro preferenze per scegliere quali approfondimenti desideri ricevere via e-mail.

Per visualizzare e controllare quali approfondimenti ricevi da noi via e-mail, visita il tuo centro preferenze.