Districarsi nel settore immobiliare cinese: crescita, turbolenze e prospettive
Insights

Districarsi nel settore immobiliare cinese: crescita, turbolenze e prospettive

Il futuro del mercato immobiliare cinese rimane incerto e a dettare la rotta sarà la delicata interazione tra fattori economici, iniziative politiche e sentiment del mercato.

  • Pechino è alle prese con il difficile compito di riconquistare la fiducia degli operatori del mercato immobiliare, tra cui promotori, investitori e acquirenti
  • Nonostante le misure aggiuntive volte a rianimare il mercato, le prospettive rimangono tiepide, con le società immobiliari di proprietà statale destinate a ridisegnare il panorama post-crisi
  • Il futuro del mercato immobiliare cinese rimane incerto e a dettare la rotta sarà la delicata interazione tra fattori economici, iniziative politiche e sentiment del mercato

Il settore immobiliare cinese, così come lo conosciamo oggi, ha iniziato a prendere forma alla fine degli anni ’90, in seguito alle riforme economiche degli anni ’70. In precedenza, le proprietà appartenevano allo Stato, che si occupava della loro distribuzione. Il mercato ha conosciuto una marcata espansione nei primi anni 2000 in ragione della rapida urbanizzazione e dell’ascesa della classe media. Il governo è intervenuto per affrontare le bolle speculative e gli aumenti dei prezzi degli immobili.

Ciò nonostante, il settore immobiliare ha continuato ad espandersi fino a diventare un pilastro fondamentale dell’economia cinese; nel 2022, rappresentava il 13% del PIL1.

L’evoluzione del settore da un sistema a controllo statale a un’industria dinamica e guidata dal mercato è notevole. Il governo continua a rivestire un ruolo regolamentare fondamentale, in quanto cerca di bilanciare la crescita economica, affrontare le problematiche sociali e garantire uno sviluppo stabile e sostenibile del settore residenziale.

La rapida espansione del settore immobiliare si è tradotta in un notevole fabbisogno di finanziamenti (Figura 1). Oltre ai prestiti bancari, i promotori si sono rivolti ai finanziamenti offshore in ragione dei rigidi controlli sulle obbligazioni onshore, soprattutto durante le fasi di surriscaldamento del mercato. Inoltre, i finanziamenti onshore (tramite prestiti o obbligazioni) allo scopo di acquisire terreni erano vietati. La stretta sul sistema bancario ombra ha accentuato l’attrattiva delle obbligazioni globali in dollari. Il debito è andato aumentando in quanto i promotori immobiliari cinesi hanno spesso cercato di rifinanziarsi, facendo sì che le vendite annuali di tali obbligazioni passassero da USD 675 milioni nel 2009 a USD 64,7 miliardi nel 2020, costituendo circa un quarto delle obbligazioni societarie in USD cinesi2.

Figura 1: emissione di obbligazioni offshore e vendite totali di immobili
Figure 1 : offshore bond issuance and total property sales

Fonte: National Bureau of Statistics/Bloomberg, 2023

Il settore immobiliare deve il suo eccezionale boom all’aumento della domanda e agli acquisti speculativi, che hanno fatto lievitare i prezzi delle abitazioni di cinque volte e mezzo dall’inizio del secolo3.

I governi locali hanno fatto ampio affidamento sulle vendite di terreni per ottenere entrate, una pratica del resto favorita da un governo centrale intento a promuovere la crescita economica. Il panorama politico ha successivamente attraversato varie fasi di allentamento e inasprimento, con misure quali restrizioni all’acquisto, controlli sulla rivendita, limiti di prezzo e regolamenti sui mutui in diverse città.

Nel 2020, la Cina ha inasprito le regole di finanziamento per i promotori nel tentativo di porre un freno all’accumulo sconsiderato di debito. Sebbene questo sia stato inizialmente percepito come un passo verso il raffreddamento del mercato immobiliare, e in particolare dell’impennata dei prezzi, la mossa politica più significativa è stata l’introduzione delle “tre linee rosse”4

che ha imposto alle società immobiliari alcuni limiti alla crescita del debito. Il mantra delle iniziative immobiliari è quindi diventato “le case servono per viverci, non per fare speculazione”.

Purtroppo, i rischi di credito delle società di sviluppo immobiliare sono stati sottovalutati e sono emersi oneri debitori pesanti, inclusi debiti occulti e altre passività. L’accesso ai finanziamenti è peggiorato, con conseguente aumento dei costi d’indebitamento. I promotori hanno iniziato ad avere difficoltà a rifinanziarsi e colmare il vuoto di fondi con le risorse interne e i cash flow operativi. Questa crisi di liquidità è degenerata in inadempienze diffuse, a partire dalle società immobiliari più piccole, come Fantasia, per poi travolgere, nel dicembre 2021, Evergrande5, il promotore immobiliare più indebitato della Cina, e infine colpire numerosi promotori privati (Figura 2). 

Figura 2: promotori immobiliari cinesi che hanno presentato istanza di default
Figure 2 defaulting Chinese developers

Fonte: Bloomberg e documenti depositati dalle società, 2023

Le misure di contenimento del Covid-19 applicate in Cina hanno aggravato la crisi. I contratti di vendita sono diminuiti a causa del calo dei redditi, delle restrizioni alle visite degli immobili dovute alle regole di quarantena e delle preoccupazioni degli acquirenti per la consegna delle proprietà pre-vendute. A metà del 2022 un numero crescente di progetti risultava ritardato o bloccato a causa della carenza di liquidità dei promotori, innescando un significativo boicottaggio dei mutui in diverse città.

Le proteste sociali hanno spinto il governo a intervenire e a introdurre misure di allentamento a partire dal novembre 2022. Questi provvedimenti erano tesi a migliorare l’accesso delle società immobiliari a prestiti e a finanziamenti obbligazionari e azionari, nonché offrire maggiore flessibilità sui mutui, ridurre requisiti di acconto e persino abolire le restrizioni all’acquisto di case in alcune città. Con l’obiettivo di dare priorità alla stabilità sociale, il governo si è impegnato in primis a garantire la consegna delle abitazioni in costruzione attraverso conti vincolati (escrow account) di terzi gestiti con rigore e 200 miliardi di CNY di prestiti speciali. Queste iniziative hanno finito per accentuare ulteriormente le pressioni di liquidità sui promotori, nonostante abbiano favorito il completamento di un maggior numero di progetti abitativi nella prima metà del 2023 sia tra le società solide che tra quelle in difficoltà (Figura 3).

Figura 3: progetti abitativi completati tra i promotori immobiliari cinesi
Figure 3 home completions among Chinese developers

Fonte: JP Morgan, luglio 2023

Dopo la riapertura della Cina all’inizio del 2023, le vendite di immobili hanno registrato una breve ripresa prima di tornare a scendere. Il rallentamento dei contratti di vendita ha messo in seria difficoltà i promotori immobiliari. La crisi si è estesa a operatori di qualità superiore, tra cui Country Garden, la maggiore società immobiliare del paese per fatturato. Per contro, i promotori immobiliari statali hanno beneficiato di un aumento delle quote di mercato grazie alla maggiore fiducia degli acquirenti nella consegna delle abitazioni. Alla fine di luglio 2023, le società immobiliari statali detenevano i tre quarti delle quote di mercato, avendo guadagnato quasi il 30% rispetto ai promotori privati dal 20216.

E adesso?

La sfida di Pechino ora consiste nel riconquistare la fiducia degli acquirenti di case, degli investitori e degli stessi promotori. Alcune società di sviluppo immobiliare potrebbero avere la capacità di onorare i propri debiti, ma scelgono di non farlo a causa delle scarse prospettive di recupero. Parallelamente, la domanda di abitazioni risente della mancanza di fiducia nella consegna dei progetti abitativi, delle aspettative sui prezzi e delle prospettive di occupazione/reddito.

La ripresa del mercato immobiliare rimane quindi complicata nonostante le nuove misure di sostegno, tra cui l’abbassamento dei tassi ipotecari, la riduzione dei requisiti di acconto e l’allentamento selettivo delle restrizioni all’acquisto di case. Questa fase di allentamento, attesa da tempo, si è rivelata meno efficace del previsto a causa dell’elevato numero di default tra i promotori immobiliari del paese e delle prospettive economiche poco incoraggianti.

In futuro possiamo aspettarci ulteriori misure di allentamento marginali, come il recente taglio dei tassi sui mutui esistenti. Il sentiment oscillerà a seconda che le iniziative delle autorità soddisfino o meno le aspettative, ma lo scenario generale resterà debole fino a quando le vendite di immobili o l’accesso ai finanziamenti non conosceranno un’inversione di tendenza. I promotori immobiliari di proprietà dello Stato sono destinati a dominare il panorama post-crisi, mentre quelli privati potrebbero ritrovarsi a operare su scala ridotta o addirittura rischiare l’eliminazione. Questa transizione potrebbe portare a un graduale spostamento verso un mercato immobiliare residenziale con una quota crescente di alloggi a prezzi accessibili e in affitto.

22 Settembre 2023
Chuanyi Zhou -
Chuanyi Zhou
Asia Corporate Analyst
Share article
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Listen on Stitcher badge
Share article
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Districarsi nel settore immobiliare cinese: crescita, turbolenze e prospettive

1 Bloomberg, dati aggiornati al 2022

2 Bloomberg, dati aggiornati al 2023

3 National Bureau of Statistics, 2020-23

4 Le tre linee rosse rappresentano delle soglie di rifinanziamento: 1) un rapporto passività/attività inferiore al 70% (esclusi i proventi anticipati da immobili pre-venduti); 2) un rapporto di indebitamento netto inferiore al 100%; 3) un rapporto liquidità/debito a breve termine superiore al 100%. Se una società rispetta tutte e tre le soglie, è consentita una crescita massima del debito del 15% nell’anno successivo; se ne rispetta due, il limite massimo di aumento del debito è del 10%; se ne rispetta una sola, il limite scende al 5%. Per le società inadempienti su tutti e tre i fronti, l’accesso a nuovi finanziamenti è bloccato.

5 Bloomberg, China’s Warning to Evergrande Was Aimed at Fantasia, Too, 17 ottobre 2021

6 National Bureau of Statistics, agosto 2023

Important Information

Esclusivamente ad uso di investitori professionali e/o di tipologie di investitori equivalenti nella propria giurisdizione (non utilizzare o trasmettere a clienti retail). Per scopi di marketing.

Questo documento viene distribuito unicamente a scopo informativo e non deve essere considerato rappresentativo di un particolare investimento. Non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Investire comporta dei rischi, tra cui il rischio di perdita del capitale. Il capitale è a rischio.  Il rischio di mercato può riguardare un singolo emittente, settore dell’economia, industria ovvero il mercato nel suo complesso. Il valore degli investimenti non è garantito e di conseguenza gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito. Gli investimenti internazionali comportano alcuni rischi e una certa volatilità in ragione della potenziale instabilità politica, economica o valutaria e di principi contabili e finanziari differenti. I titoli nominati nel presente documento sono forniti a scopo illustrativo, sono soggetti a variazioni e non vanno interpretati come una raccomandazione di acquisto o di vendita. I titoli esaminati potrebbero rivelarsi o meno redditizi. Le opinioni espresse sono valide alla data indicata, possono cambiare al mutare del contesto di mercato o di altre condizioni e possono differire da altre opinioni espresse da altre società consociate o affiliate di Columbia Threadneedle Investments (Columbia Threadneedle). Le decisioni di investimento o gli investimenti effettivamente realizzati da Columbia Threadneedle e dalle sue affiliate, per conto proprio o per conto di clienti, possono non riflettere necessariamente le opinioni espresse. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono una consulenza d’investimento e non tengono conto delle circostanze specifiche di ciascun investitore. Le decisioni di investimento dovrebbero essere sempre effettuate in funzione delle esigenze finanziarie, degli obiettivi, delle finalità, dell’orizzonte di investimento e della tolleranza al rischio di ciascun investitore. Le classi di attivi descritte potrebbero non essere idonee per tutti gli investitori. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri e nessuna previsione deve essere considerata come una garanzia. Le informazioni e le opinioni fornite da terze parti sono state ottenute da fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna garanzia in merito alla loro accuratezza e completezza. Il presente documento e i relativi contenuti non sono stati esaminati da alcuna autorità di regolamentazione.

Per il SEE: pubblicato da Threadneedle Management Luxembourg S.A., registrata presso il Registre de Commerce et des Sociétés (Lussemburgo), numero di iscrizione B 110242, e/o Columbia Threadneedle Netherlands B.V., regolamentata dall’Autorità olandese per i mercati finanziari (AFM), numero di iscrizione 08068841.

Per i Distributori: Il presente documento intende fornire ai distributori informazioni sui prodotti e i servizi del Gruppo e la sua ulteriore diffusione non è autorizzata. Per i Clienti istituzionali: Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono raccomandazioni finanziarie e sono riservate unicamente a soggetti con adeguate conoscenze in materia di investimenti e che soddisfano i criteri regolamentari per essere classificati come Clienti professionali o Controparti di mercato e nessun altro Soggetto è autorizzato a farvi affidamento.

Columbia Threadneedle Investments è il marchio commerciale globale del gruppo di società di Columbia e Threadneedle.

Analisi correlate

1 Marzo 2022

William Davies

CIO, EMEA e Responsabile azionario globale

Superare la volatilità del 2022 con un vantaggio attivo

La volatilità sui mercati azionari globali ha continuato a crescere, a causa dei diffusi timori di un aumento dei tassi d'interesse e dell'inflazione, della fine degli stimoli fiscali in molte regioni e delle tensioni geopolitiche.
Tempo di lettura - 5 min
13 Dicembre 2021

William Davies

CIO, EMEA e Responsabile azionario globale

L’evoluzione del quadro monetario prefigura il 2022 come l’anno del cambiamento

Il 2022 sarà caratterizzato da un cambiamento di ruolo della politica monetaria: il supporto, gli stimoli e la spesa pubblica anticrisi verranno sostituiti dalla ripresa, dalle attività di risanamento, dalla riduzione degli stimoli fiscali e dal ritorno alla “normalità”.
Tempo di lettura - 5 min
21 Dicembre 2020

Adrian Hilton

Head of Global Rates and Emerging Market Debt

Individuare buone opportunità di alfa nel debito dei mercati emergenti

La graduale ripresa di questa classe di attivi dal secondo trimestre è stata altrettanto notevole quanto lo shock iniziale che hanno conosciuto gli spread a marzo.
Tempo di lettura - 6 min
18 Giugno 2024

Steven Bell

Chief Economist, EMEA

Elezioni, tassi di interesse e mercati

Un anno record per le elezioni, ma cosa significa per i mercati?
Tempo di visione - 4 min
18 Giugno 2024

Roman Gaiser

Head of High Yield, EMEA

David Backhouse

Portfolio Manager, High Yield

High yield: ancora una volta fa ciò che dovrebbe

Nel mondo degli investimenti, il fascino dell'obbligazionario risiedeva nella sua capacità di fare ciò che doveva: offrire rendimenti stabili e affidabili.
Tempo di lettura - 5 min
4 Giugno 2024

Steven Bell

Chief Economist, EMEA

Politica, inflazione e tassi di interesse

Questa settimana è previsto il taglio dei tassi da parte della BCE.
Tempo di visione - 4 min
true
true

Important Information

Esclusivamente ad uso di investitori professionali e/o di tipologie di investitori equivalenti nella propria giurisdizione (non utilizzare o trasmettere a clienti retail). Per scopi di marketing.

Questo documento viene distribuito unicamente a scopo informativo e non deve essere considerato rappresentativo di un particolare investimento. Non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Investire comporta dei rischi, tra cui il rischio di perdita del capitale. Il capitale è a rischio.  Il rischio di mercato può riguardare un singolo emittente, settore dell’economia, industria ovvero il mercato nel suo complesso. Il valore degli investimenti non è garantito e di conseguenza gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito. Gli investimenti internazionali comportano alcuni rischi e una certa volatilità in ragione della potenziale instabilità politica, economica o valutaria e di principi contabili e finanziari differenti. I titoli nominati nel presente documento sono forniti a scopo illustrativo, sono soggetti a variazioni e non vanno interpretati come una raccomandazione di acquisto o di vendita. I titoli esaminati potrebbero rivelarsi o meno redditizi. Le opinioni espresse sono valide alla data indicata, possono cambiare al mutare del contesto di mercato o di altre condizioni e possono differire da altre opinioni espresse da altre società consociate o affiliate di Columbia Threadneedle Investments (Columbia Threadneedle). Le decisioni di investimento o gli investimenti effettivamente realizzati da Columbia Threadneedle e dalle sue affiliate, per conto proprio o per conto di clienti, possono non riflettere necessariamente le opinioni espresse. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono una consulenza d’investimento e non tengono conto delle circostanze specifiche di ciascun investitore. Le decisioni di investimento dovrebbero essere sempre effettuate in funzione delle esigenze finanziarie, degli obiettivi, delle finalità, dell’orizzonte di investimento e della tolleranza al rischio di ciascun investitore. Le classi di attivi descritte potrebbero non essere idonee per tutti gli investitori. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri e nessuna previsione deve essere considerata come una garanzia. Le informazioni e le opinioni fornite da terze parti sono state ottenute da fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna garanzia in merito alla loro accuratezza e completezza. Il presente documento e i relativi contenuti non sono stati esaminati da alcuna autorità di regolamentazione.

Per il SEE: pubblicato da Threadneedle Management Luxembourg S.A., registrata presso il Registre de Commerce et des Sociétés (Lussemburgo), numero di iscrizione B 110242, e/o Columbia Threadneedle Netherlands B.V., regolamentata dall’Autorità olandese per i mercati finanziari (AFM), numero di iscrizione 08068841.

Per i Distributori: Il presente documento intende fornire ai distributori informazioni sui prodotti e i servizi del Gruppo e la sua ulteriore diffusione non è autorizzata. Per i Clienti istituzionali: Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono raccomandazioni finanziarie e sono riservate unicamente a soggetti con adeguate conoscenze in materia di investimenti e che soddisfano i criteri regolamentari per essere classificati come Clienti professionali o Controparti di mercato e nessun altro Soggetto è autorizzato a farvi affidamento.

Columbia Threadneedle Investments è il marchio commerciale globale del gruppo di società di Columbia e Threadneedle.

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.

Conferma i tuoi dati e visita il centro preferenze

*Campi obbligatori

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova

Grazie. Ora puoi visitare il tuo centro preferenze per scegliere quali approfondimenti desideri ricevere via e-mail.

Per visualizzare e controllare quali approfondimenti ricevi da noi via e-mail, visita il tuo centro preferenze.