Come realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell'ONU attraverso il risparmio e l'investimento
Insights

Come realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU attraverso il risparmio e l’investimento

Partendo dal presupposto che i clienti sono sempre più interessati a capire come i gestori possono aiutarli a contribuire agli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goal o SDG) dell’ONU, esaminiamo alcune delle strategie che possono essere impiegate a tale scopo.

Cosa sono gli sdg dell'onu?

Nel 2015, i 193 paesi membri delle Nazioni Unite hanno definito un insieme di grandi priorità di sviluppo sostenibile nell’ambito di un impegno rinnovato a mobilitare risorse intorno a una serie di obiettivi comuni, in sostituzione degli Obiettivi di sviluppo del millennio (MDG) in scadenza. A differenza di questi ultimi, i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile fanno esplicitamente appello alle aziende nei paesi sviluppati e in via di sviluppo, invitandole a mettere creatività e innovazione al servizio delle sfide legate allo sviluppo. Tali obiettivi mirano ad allineare le strategie aziendali con le priorità globali. Le società sono incoraggiate a servirsi degli SDG come quadro d’insieme per plasmare e orientare le rispettive strategie e riferire in merito; tale approccio può essere esteso anche alla gestione patrimoniale.

Perché sono importanti?

Conversando con i nostri clienti ovunque nel mondo, siano essi banche private, i cui investitori sono sempre più interessati a prodotti sostenibili, o fondi pensione aziendali, i cui trustee e dipendenti invocano un investimento responsabile dei loro contributi, il riscontro è sempre lo stesso: gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU offrono un valido supporto per destinare gli investimenti a favore di un mondo più sostenibile. In parte questa motivazione è alimentata anche dai governi nazionali, che hanno assunto impegni pubblici a dare prova di progressi dimostrabili nei confronti degli obiettivi nei rispettivi paesi. Se si osservano le recenti stime, secondo cui per realizzare gli SDG occorreranno ulteriori investimenti pubblici e privati pari a USD 2.4 trilioni all’anno nei settori della sostenibilità a livello mondiale, è facile capire il motivo della recente enfasi sul risparmio gestito1.
Verso la fine dello scorso anno, le masse in gestione globali hanno raggiunto quota USD 84.900 miliardi2 e sono destinate a crescere considerevolmente negli anni a venire. Ciò significa che le autorità di tutto il mondo hanno a disposizione notevoli capitali per contribuire all’avanzamento verso gli obiettivi. Tuttavia, come spesso lamentano gli investitori, esistono pochissime strategie sul mercato che permettano di investire con fiducia negli SDG.

Quali strategie possono essere adottate?

L’opportunità per i gestori è palese, tenuto conto del fatto che sempre più istituzioni dichiarano pubblicamente l’intenzione di investire in maniera sostenibile. Inoltre, per i proprietari di attivi, i vantaggi derivanti dall’investimento sostenibile vanno ben oltre il contributo al raggiungimento di target sovranazionali e la maggiore soddisfazione dei dipendenti. Le opportunità finanziarie associate all’investimento in aziende sostenibili sono state dimostrate da numerosi studi e, naturalmente, dai fondi già esistenti. Su un piano molto elementare, orientarsi verso investimenti che saranno ben posizionati per beneficiare finanziariamente dei temi salienti della sostenibilità e delle evoluzioni già in atto conviene.
Riteniamo che vi siano diversi approcci che i gestori possono adottare per allineare gli investimenti ai singoli obiettivi oppure per sfruttare gli obiettivi in modo da orientare la composizione del portafoglio, attraverso l’intera gamma di classi di attivi. A tale riguardo, occorre distinguere tra investimenti che contribuiscono direttamente e in maniera misurabile a SDG specifici (principalmente ad alto impatto/orientati ai mercati in via di sviluppo) e investimenti che forniscono un apporto più generale o comunque meno misurabile. Benché entrambi siano praticabili sui mercati finanziari, le opportunità sono notevolmente superiori nel secondo caso, nonché più accessibili a un maggior numero di investitori. Inoltre, i processi e gli standard sono in evoluzione per dare agli investitori maggiori garanzie circa la natura dei legami tra i propri investimenti e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.
Ad esempio, le classi di attivi alternative possono avere un ruolo fondamentale nel raggiungimento degli SDG, grazie all’allocazione di nuovo capitale ad aziende in espansione e a nuovi progetti di primaria importanza per la realizzazione dei target. È il caso delle infrastrutture, al centro dell’Obiettivo 9, “Industria, innovazione e infrastrutture”, che pone l’accento sulla necessità di “infrastrutture di qualità, affidabili, sostenibili e resilienti per supportare lo sviluppo economico e il benessere degli individui, con particolare attenzione ad un accesso equo e conveniente per tutti”. Tuttavia, benché esistano opportunità ad alto impatto nel mondo degli investimenti alternativi, esse potrebbero risultare inaccessibili alla maggior parte degli investitori. L’attività di gestione patrimoniale di IFC, ad esempio, offre un’ottima esposizione a progetti imperniati sullo sviluppo degli SDG nel segmento del private equity, tra cui investimenti nell’imprenditoria femminile nei mercati emergenti (con diretta attinenza agli Obiettivi 5 e 10, rispettivamente: “Uguaglianza di genere” e “Ridurre le disuguaglianze”), ma anche nell’efficienza delle risorse e nelle tecnologie pulite in Asia (in linea con l’Obiettivo 7, “Energia pulita e accessibile”), sempre con rendimenti finanziari eccezionali. Tuttavia, quanto sopra è accessibile solo a una porzione minima del bacino di investitori globali.
Per contro, nel reddito fisso, lo sviluppo di nuovi standard e opportunità ha aperto gli investimenti nei prodotti allineati agli SDG a un ventaglio di investitori più ampio. Green, social e sustainability bond offrono opportunità uniche d’investimento in svariati progetti a favore di uno o più SDG, con standard sempre più rigorosi e aspettative in crescita in termini di rendicontazione dell’impatto. Benché il primissimo green bond (emesso nel 2007) sia antecedente al lancio degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, il più ampio mercato dei green, social e sustainability bond è cresciuto di pari passo con gli SDG. Il social bond emesso dalla Banca africana di sviluppo lo scorso novembre, ad esempio, è imperniato su sette diversi SDG nonché su svariate tematiche (dall’Obiettivo 1, “Povertà zero”, all’Obiettivo 6, “Acqua pulita e igiene”). Analogamente, nel contesto dei mercati sviluppati, la Comunità Autonoma di Madrid ha emesso diversi sustainability bond, anch’essi incentrati su sette SDG, basati su progetti che spaziano dai medicinali ad alto impatto fino al trasporto pubblico agevolato per categorie a basso reddito, con il peso complessivo più importante a favore dell’Obiettivo 11, “Città e comunità sostenibili”.
Da questo mercato si attendono maggiore allineamento, chiarezza e trasparenza sull’utilizzo degli SDG; nell’ambito del nostro impegno costante con il Gruppo di lavoro sui social bond dell’ICMA, siamo parte di un sistema informativo lanciato di recente e incentrato nello specifico sull’allineamento tra i social bond e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Le sfide, tuttavia, non mancano

Non vi sono dubbi: si tratta di un segmento e di un approccio in rapida crescita, ma naturalmente investire per generare un impatto non è esente da sfide. Una delle osservazioni più scontate riguarda il gran numero di obiettivi definiti. Nell’ambito del nostro focus d’investimento, adottiamo un approccio che riunisce i singoli SDG in macrocategorie, ad esempio Clima, che contiene gli Obiettivi 7, “Energia pulita e accessibile”, e 13, “Agire per il clima”. In alternativa, alcuni dei nostri clienti specificano gli obiettivi più pertinenti e in linea con le loro circostanze specifiche, e su questi ci concentriamo. Esistono vari approcci, ma in fin dei conti gli investitori dovrebbero pensare a rafforzare o selezionare alcuni dei 17 obiettivi, anziché puntare su tutti, per un effetto maggiormente mirato.
Nell’universo delle azioni quotate, pur essendo a disposizione degli investitori da lungo tempo, spesso i fondi tematici sono carenti in termini di chiarezza circa il loro impatto nonché di varietà sul ventaglio degli SDG; la maggior parte si orienta infatti sulle problematiche ambientali o, in tempi più recenti, sulle questioni di genere. Negli ultimi mesi abbiamo assistito all’ingresso sul mercato di un certo numero di fondi collettivi che sembrano puntare su un’ampia gamma di SDG. Per quanto riguarda l’azionario quotato, manca tuttora chiarezza circa i criteri e gli standard applicabili alla definizione di “impatto” e di contributo a favore degli SDG. Pertanto, benché tali fondi rappresentino senza ombra di dubbio una novità apprezzabile, gli investitori interessati dovrebbero essere consapevoli delle posizioni al loro interno e trovarsi d’accordo con il potenziale contributo agli SDG che essi offrono.

Verso il futuro

The Global Goals for Sustainable Development
Vi sono comunque segnali di una progressiva evoluzione. Ad esempio, facciamo parte di un gruppo di lavoro sui Principi d’investimento responsabile dell’ONU, impegnato a sviluppare una mappatura dell’impatto (“Impact Market Map”) per contribuire a identificare le società che offrono un impatto sostenibile in linea con gli SDG. A livello interno, valutiamo anche il contributo netto delle società investite a svariati temi in linea con gli SDG, basandoci sui dati relativi ai proventi, sull’allineamento strategico e sugli sviluppi attesi, così come su parametri ESG più classici. Stiamo pertanto costruendo le capacità per analizzare gli SDG in un’ottica commerciale, identificando le specifiche opportunità di investimento in linea con i suddetti, garantendo al contempo trasparenza circa l’entità di tale allineamento, ad esempio operando una distinzione tra i diversi livelli di contributo forniti dalle società investite a favore degli obiettivi.
Dovremmo tutti elogiare gli sforzi profusi per creare un quadro di riferimento comune, riconosciuto da aziende, governi e individui e utilizzabile come base per le loro attività a favore dello sviluppo sostenibile. È incoraggiante constatare che molti proprietari di attivi sono attualmente interessati a orientare i loro investimenti verso gli obiettivi, chiedendo in cambio ai gestori di sviluppare metodi nuovi e innovativi per strutturare i portafogli. Pur non essendo esente da complessità, questo approccio invia un segnale chiaro al mercato, ovvero che il capitale d’investimento, i liberi mercati e la finanza possono offrire una soluzione ad alcune delle sfide più pressanti a livello mondiale.
5 Marzo 2018
Columbia threadneedle investments logo
Columbia Threadneedle Investments
Share article
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Share article
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Come realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU attraverso il risparmio e l’investimento

1 http://www.undp.org/content/undp/en/home/blog/2017/7/13/What-kind-of-blender-do-we-need-to-finance-the-SDGs-.html
2 https://www.pwc.com/gx/en/industries/financial-services/asset-management/publications/asset-wealth-management-revolution.html

Informazioni importanti

Il presente materiale è realizzato a scopi puramente informativi e non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Il riferimento a specifiche azioni o obbligazioni non deve essere considerato una sollecitazione all’acquisto. Le analisi riportate nel presente documento sono state effettuate da Columbia Threadneedle Investments ai fini delle proprie attività di gestione degli investimenti, potrebbero essere state utilizzate prima della pubblicazione ed essere state inserite nel presente documento per caso. Tutte le opinioni contenute nel presente documento sono valide alla data di pubblicazione, possono essere soggette a modifiche senza preavviso e non devono essere considerate una consulenza in materia d’investimento. Le informazioni provenienti da fonti esterne sono considerate attendibili ma non esiste alcuna garanzia in merito alla loro precisione o completezza. Il presente materiale include riflessioni su eventi futuri, tra cui previsioni di condizioni economiche e finanziarie a venire. Né Columbia Threadneedle Investments, né tanto meno alcuno dei suoi amministratori, dirigenti o dipendenti rilascia alcuna garanzia, dichiarazione o qualsivoglia altra assicurazione circa l’accuratezza di tali previsioni.

Analisi correlate

19 Maggio 2022

Neil Robson

Responsabile Azioni globali

Obesità: combattere un problema di salute sempre più diffuso

Sappiamo tutti che l'obesità è un grande problema di salute. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), colpisce 650 milioni di persone a livello globale, con una prevalenza di tre volte superiore a quella del 19751.
Tempo di lettura - 6 min
5 Maggio 2022

Pauline Grange

Gestore di portafoglio

Jess Williams

Portfolio Analyst, Responsible Investment

GLOBAL SUSTAINABLE OUTCOMES: Notizie e previsioni T4 2021

Mentre la parola “inflazione” ha nuovamente catalizzato l’attenzione dei mercati nel T4 2021, a dicembre un nuovo termine ha rubato la scena: Omicron. Poco dopo essere stata identificata da alcuni scienziati sudafricani, questa mutazione del Covid-19 ha iniziato a diffondersi con rapidità. I paesi di tutto il mondo sono stati presi dal panico e hanno vietato l’ingresso a tutti i visitatori provenienti dall’Africa subsahariana, inclusa la mia famiglia che sarebbe dovuta arrivare a Natale, scrive Pauline Grange
Tempo di lettura - 5 min
31 Marzo 2022

Florian Uleer

Interim Country Head Italy

La coalizione rinnova il focus della Germania sul RI

La significativa rappresentanza dei Verdi nel primo governo di coalizione “a semaforo” tedesco dovrebbe rafforzare le ambizioni del paese di diventare un centro globale per la finanza sostenibile.
Tempo di lettura - 3 min

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.