Azioni britanniche: la rinascita di una classe di attivi bistrattata!
Insights

Azioni britanniche: la rinascita di una classe di attivi bistrattata!

  • Il Regno Unito continua a non incontrare il favore degli investitori: solo la Russia e il Brasile hanno registrato risultati più deludenti da inizio anno, e i responsabili dell’asset allocation evitano tuttora le azioni britanniche, che appaiono ancora più sottovalutate rispetto a un anno fa. In generale, le società internazionali quotate nel Regno Unito presentano uno sconto pari a due volte quello che avrebbero se fossero quotate in Europa o negli Stati Uniti e uno sconto medio del 40% rispetto all’MSCI World.
  • La scarsa attrattiva del Regno Unito è espressione del forte allineamento del consenso sui diversi mercati. Continuiamo a credere fermamente nel paese, ma le tendenze spesso si protraggono più a lungo del previsto. Ciò crea l’opportunità che vediamo oggi, in quanto amplifica l’impatto della futura svolta nella dinamica di mercato.
  • Tuttavia, la finestra per sfruttare questo valore potenziale si sta chiudendo, ora che c’e’ maggiore chiarezza circa la Brexit. Di conseguenza, l’attività di fusione e acquisizione resta intensa e accelera, a suggerire la volontà di ignorare il rumore a breve termine e di concentrarsi sulle valutazioni, ma non da parte degli operatori del mercato, bensì delle società statunitensi e di private equity che vedono che il tempo sta per scadere. Gli operatori esitano ancora a sfruttare questo arbitraggio valutativo, ma aspettando di avere maggiori certezze rischiano di lasciarsi sfuggire l’opportunità.
  • I dividendi svolgono un ruolo fondamentale ai fini di pensioni, risparmio e reddito della popolazione britannica. La natura senza precedenti della pandemia e la conseguente necessità per le aziende di ripristinare la propria liquidità si sono tradotte in aprile e maggio in una contrazione delle distribuzioni di dividendi tra le più rapide, pronunciate e generalizzate mai osservate. Questo processo si verifica alla fine di ogni ciclo, ma il Covid-19 lo ha concentrato in sole tre settimane. Tuttavia, da allora la situazione si è stabilizzata, la dinamica è cambiata e 60 società hanno già ripristinato i dividendi. Altre faranno altrettanto.
  • Guardando al futuro, ci aspettiamo politiche più prudenti e una migliore copertura, e anche nello scenario più sfavorevole entro il prossimo anno il mercato britannico dovrebbe continuare a offrire un buon premio di rendimento rispetto alle obbligazioni. Per il momento, tuttavia, i bilanci e la liquidità sono di primaria importanza.
Se all’inizio del 2020 il mercato azionario britannico veniva evitato, oggi lo è ancora di più. Fino all’ondata di entusiasmo scatenata sul mercato dall’arrivo di tre vaccini verso la fine dell’anno, le azioni britanniche avevano perso circa il 20%. Solo due mercati azionari riuscivano a fare peggio, Russia e Brasile, e i gestori degli investimenti continuano a evitare le azioni britanniche,1 che ora sono ancora più convenienti di quanto non fossero un anno fa.
Nei precedenti crolli di mercato, le azioni che avevano trainato i mercati negli anni di rialzo erano solitamente quelle che soffrivano di più durante le correzioni. A logica, quest’anno i più penalizzati dovrebbero essere i titoli del settore tecnologico statunitense o le azioni cinesi, se non fosse che nel 2020 proprio questi titoli si sono distinti come le stelle più luminose nel buio fitto dei mercati globali. Nel frattempo, le società internazionali quotate nel Regno Unito presentano uno sconto pari a due volte quello che avrebbero se fossero quotate in Europa o negli Stati Uniti, e uno sconto medio del 40% rispetto all’MSCI World!2
Grafico 1: FTSE All Share/S&P 500 Composite
Fonte: Refinitiv Datastream.

Mercato bipolare

I mercati azionari sono diventati bipolari e i cinque colossi tecnologici statunitensi (Facebook, Apple, Alphabet, Amazon e Microsoft) sono responsabili della maggior parte della solida performance dell’azionario statunitense. Ma si profilano asperità all’orizzonte. Come dichiarato da Rishi Sunak, Cancelliere dello Scacchiere britannico, nella Spending Review di novembre, la contrazione dell’11,3% del PIL britannico nel 2020 è la più grave da 300 anni.3 Nonostante le previsioni di recupero economico nel 2021 e 2022, ci aspetta un difficile cammino.

Continuiamo a credere fermamente nel paese, ma le tendenze spesso si protraggono più a lungo del previsto. Ciò crea l’opportunità che vediamo oggi, in quanto amplifica l’impatto della futura svolta nella dinamica di mercato

Consideriamo la velocità con cui il mercato azionario britannico ha invertito la rotta dopo l’annuncio di dati positivi sul vaccino contro il Covid-19 da parte di Pfizer e BioNTech a metà novembre. Molti mesi di sovraperformance dei titoli growth sono stati annullati in un solo giorno, a riprova del fatto che molti investitori assumono posizioni simili. La proliferazione di investitori quantitativi, ETF e investimenti basati su fattori ha creato squilibri sul mercato ed è emblematica degli elevati livelli di allineamento del consenso.
Continuiamo a credere fermamente nel paese, ma le tendenze spesso si protraggono più a lungo del previsto. Ciò crea l’opportunità che vediamo oggi, in quanto amplifica l’impatto della futura svolta nella dinamica di mercato.

Attenzione alla chiusura della finestra

Tuttavia, la finestra per sfruttare questo valore potenziale si sta chiudendo. Sebbene la fiducia nei confronti dell’economia britannica abbia subito i contraccolpi sia del Covid-19 sia della Brexit, il mercato azionario non ha bisogno di una grande ripresa per fare registrare performance migliori.
In un modo o nell’altro la Brexit si farà. Anche se al momento in cui scriviamo non è ancora stato trovato un accordo, il mercato ha avuto quattro anni per metabolizzare i rischi di una Brexit senza accordo. Benché nulla possa mai essere completamente scontato nei prezzi, buona parte di questi rischi sono già incorporati nelle basse valutazioni e nella scarsa performance a cui abbiamo assistito. Qualunque sia l’esito, il 2021 si apre con qualche certezza in più.
Entro la fine del 2021 gli investimenti probabilmente aumentaranno e le aziende dovrebbero rimettersi in piedi. Si avranno purtroppo più insolvenze di quelle registrate dopo la crisi finanziaria globale perché le banche oggi hanno più capitali e possono permettersi di chiedere il rimborso dei crediti inesigibili; inoltre, la disoccupazione potrebbe raggiungere livelli simili a quelli degli anni ’80, quando si contavano tre milioni di persone senza lavoro.
Il mercato azionari britannico sta tuttavia uscendo da un periodo di valutazioni molto basse. Di conseguenza, l’attività di fusione e acquisizione resta intensa e accelera, a suggerire la volontà di ignorare il rumore a breve termine e di concentrarsi sulle valutazioni, ma non da parte degli operatori del mercato, bensì delle società statunitensi e di private equity, che vedono che il tempo sta per scadere. Gli operatori esitano ancora a sfruttare questo arbitraggio valutativo e aspettando di avere maggiori certezze rischiano di lasciarsi sfuggire l’opportunità.

I dividendi torneranno

I dividendi svolgono un ruolo fondamentale ai fini di pensioni, risparmio e reddito della popolazione britannica. I tagli dei dividendi sono stati consistenti e diffusi sul mercato britannico, e nessuno è rimasto indenne. Questo processo si verifica alla fine di ogni ciclo, ma il Covid-19 lo ha concentrato in sole tre settimane. Sessanta società hanno già ripristinato i dividendi.4 Altre faranno altrettanto.
Guardando al futuro, ci aspettiamo politiche più prudenti e una migliore copertura, e anche nello scenario più sfavorevole entro il prossimo anno il mercato britannico dovrebbe continuare a offrire un buon premio di rendimento rispetto alle obbligazioni. Per il momento, tuttavia, i bilanci e la liquidità sono di primaria importanza.

Le migliori opportunità da un decennio

Poiché il doppio sconto britannico inizia a diminuire a seguito di una maggiore chiarezza sulla Brexit e dei progressi sul vaccino, il 2021 e il 2022 potrebbero rivelarsi anni positivi per il mercato azionario britannico. Anche le società britanniche di qualità maggiormente orientate alla crescita, come Unilever, presentano valutazioni molto più convenienti rispetto ai loro concorrenti globali. Crediamo che l’intero mercato britannico offra valutazioni appetibili, non solo una o due aree!

Poiché il doppio sconto britannico inizia a diminuire a seguito di una maggiore chiarezza sulla Brexit e dei progressi sul vaccino, il 2021 e il 2022 potrebbero rivelarsi anni positivi per il mercato azionario britannico

Il momento migliore per investire è quando sembra inopportuno. Di certo,
il Regno Unito continuerà a essere evitato ma tre quarti degli utili di società
britanniche provengono dall’estero e pertanto il mercato dovrebbe essere
sostenuto dal PIL globale.

In quanto gestori attivi, guardiamo con molto interesse al mercato britannico. Scorgiamo alcune delle migliori opportunità in azioni in sofferenza da un decennio a questa parte. Mentre l’investimento quantitativo e l’investimento basato su fattori si concentrano sui segmenti a cui appartengono le azioni, seguendo una sorta di copione predeterminato, la gestione attiva guarda logicamente al valore offerto da un titolo rispetto al suo prezzo. Confidiamo in un trend rialzista per il mercato britannico e le sue società bistrattate.
18 Dicembre 2020
Richard Colwell
Richard Colwell
Head of UK Equities
Share article
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Share article
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Azioni britanniche: la rinascita di una classe di attivi bistrattata!

1 Bloomberg, Morgan Stanley, al 30 settembre 2020.

2Morgan Stanley, al 30 settembre 2020.

3 FT.com, Sunak warns of ‘economic emergency’ as borrowing hits record £394bn, 25 November 2020.

4 Badon Hill Asset Management/Columbia Threadneedle, November 2020.

Informazioni importanti

Il presente materiale è realizzato a scopi puramente informativi e non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Il riferimento a specifiche azioni o obbligazioni non deve essere considerato una sollecitazione all’acquisto. Le analisi riportate nel presente documento sono state effettuate da Columbia Threadneedle Investments ai fini delle proprie attività di gestione degli investimenti, potrebbero essere state utilizzate prima della pubblicazione ed essere state inserite nel presente documento per caso. Tutte le opinioni contenute nel presente documento sono valide alla data di pubblicazione, possono essere soggette a modifiche senza preavviso e non devono essere considerate una consulenza in materia d’investimento. Le informazioni provenienti da fonti esterne sono considerate attendibili ma non esiste alcuna garanzia in merito alla loro precisione o completezza. Il presente materiale include riflessioni su eventi futuri, tra cui previsioni di condizioni economiche e finanziarie a venire. Né Columbia Threadneedle Investments, né tanto meno alcuno dei suoi amministratori, dirigenti o dipendenti rilascia alcuna garanzia, dichiarazione o qualsivoglia altra assicurazione circa l’accuratezza di tali previsioni.

Analisi correlate

19 Maggio 2022

Neil Robson

Responsabile Azioni globali

Obesità: combattere un problema di salute sempre più diffuso

Sappiamo tutti che l'obesità è un grande problema di salute. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), colpisce 650 milioni di persone a livello globale, con una prevalenza di tre volte superiore a quella del 19751.
Tempo di lettura - 6 min
5 Maggio 2022

Pauline Grange

Gestore di portafoglio

Jess Williams

Portfolio Analyst, Responsible Investment

GLOBAL SUSTAINABLE OUTCOMES: Notizie e previsioni T4 2021

Mentre la parola “inflazione” ha nuovamente catalizzato l’attenzione dei mercati nel T4 2021, a dicembre un nuovo termine ha rubato la scena: Omicron. Poco dopo essere stata identificata da alcuni scienziati sudafricani, questa mutazione del Covid-19 ha iniziato a diffondersi con rapidità. I paesi di tutto il mondo sono stati presi dal panico e hanno vietato l’ingresso a tutti i visitatori provenienti dall’Africa subsahariana, inclusa la mia famiglia che sarebbe dovuta arrivare a Natale, scrive Pauline Grange
Tempo di lettura - 5 min
31 Marzo 2022

Florian Uleer

Interim Country Head Italy

La coalizione rinnova il focus della Germania sul RI

La significativa rappresentanza dei Verdi nel primo governo di coalizione “a semaforo” tedesco dovrebbe rafforzare le ambizioni del paese di diventare un centro globale per la finanza sostenibile.
Tempo di lettura - 3 min

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.