Global Sustainable Outcomes Q3 2020
Insights

Global Sustainable Outcomes Q3 2020

La riapertura delle economie nel terzo trimestre, il continuo supporto fiscale dei governi e i tassi di interesse globali persistentemente bassi che contribuiscono a sostenere le valutazioni azionarie hanno continuato a dare impulso ai mercati dopo la correzione di marzo, permettendo a questi ultimi di registrare una performance positiva da inizio anno.

In questo contesto, la strategia Global Sustainable Outcomes ha messo a segno un ottimo trimestre, guadagnando il 12,6% e sovraperformando l’indice MSCI ACWI del 4%.1 Tra i nostri titoli, quelli delle aziende i cui prodotti e servizi promuovono la decarbonizzazione globale hanno conseguito alcune tra le migliori performance trimestrali. Tra questi figurano le nostre partecipazioni in due società leader del settore delle energie rinnovabili, Nextera Energy e Orsted, nonché il produttore di batterie per veicoli elettrici Samsung SDI e l’impresa di isolamento di edifici Kingspan, le cui soluzioni contribuiscono ad incrementare l’efficienza energetica degli immobili.2 Complice il protrarsi dell’andamento negativo evidenziato dal settore petrolifero nel corso del trimestre, la capitalizzazione di mercato di Nextera (che potrebbe essere definita una società della “nuova energia”) supera attualmente per la prima volta nella storia quella di Exxon Mobil (un’impresa della “vecchia energia”) (Figura 1). Queste società della “nuova energia” sono state avvantaggiate dai cambiamenti positivi sul fronte delle politiche ambientali e dall’introduzione di obiettivi di neutralità carbonica da parte dai governi di tutto il mondo.

Figura 1: La capitalizzazione di mercato di Nextera supera quella di Exxon Mobil

Nextera market cap exceeds Exxon Mobil

Fonte: Bloomberg, ottobre 2020.

  • Parlamento europeo ha deliberato di innalzare l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra entro il 2030 dal 40% al 60% rispetto ai livelli del 1990 e sta inoltre introducendo stimoli fiscali volti ad indirizzare gli investimenti verso le tecnologie “green” tramite il suo recovery fund attuato in risposta al Covid-19.3
  • Il governo britannico si è impegnato ad innalzare il suo target per il 2030 per l’eolico offshore: il primo ministro Boris Johnson si è fatto carico di potenziare l’energia eolica offshore del Regno Unito, nell’ambito di una “rivoluzione industriale verde.4
  • Sia il Giappone che la Corea del Sud hanno introdotto nuovi obiettivi per il raggiungimento delle zero emissioni nette entro il 2050, che riguarderanno in particolare la sostituzione dell’energia a carbone con l’energia rinnovabile.5

Ma è stata la Cina a sorprendere i mercati annunciando che si impegnerà a raggiungere l’obiettivo emissioni zero entro il 2060 in occasione di una riunione delle Nazioni Unite e che inserirà questo target nel suo prossimo piano quinquennale, puntando altresì a toccare il picco delle emissioni di carbonio “prima del 2030”.6 È la prima volta che la Cina fissa un obiettivo di neutralità carbonica concreto a lungo termine; questa decisione avrà un effetto trasformativo sugli sforzi internazionali volti a limitare il cambiamento climatico, dato che la nazione produce circa il 27% delle emissioni di gas serra di tutto il mondo.7 Il Climate Action Tracker, un’analisi scientifica indipendente che monitora le azioni dei governi volte a contrastare il cambiamento climatico comparandole con le misure concordate a livello mondiale nell’ambito dell’Accordo di Parigi, stima infatti che se la Cina raggiungerà la neutralità carbonica, contribuirà a ridurre le previsioni di riscaldamento globale di circa 0,2-0,3 gradi Celsius, portando tutto il mondo più vicino all’obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050 stabilito dall’Accordo di Parigi.8

Anche a livello microeconomico, le società continuano ad annunciare obiettivi di neutralità climatica e investimenti diretti volti all’abbandono graduale dei combustibili fossili. Le aziende energetiche globali hanno in particolare intensificato il loro impegno a stanziare capitali a favore dell’energia “green”, mentre i produttori di accessori originali (Original Equipment Manufacturers, OEM) per automobili hanno anticipato i loro obiettivi per i veicoli elettrici e lanciato nuovi modelli. Anche le grandi società di servizi finanziari stanno mettendo a punto dei cambiamenti: JP Morgan ha promesso che i suoi portafogli finanziari abbandoneranno i combustibili fossili.9A giugno il colosso dei beni di consumo Unilever, una delle partecipazioni della nostra strategia, ha invece stabilito l’obiettivo di azzerare completamente le emissioni di carbonio delle sue attività e dei suoi fornitori entro il 2039.10 Ha poi annunciato a settembre un investimento di 1 miliardo di euro (1,2 miliardi di dollari) per aiutare i suoi fornitori ad adottare tecnologie volte ad eliminare l’uso di combustibili fossili nella produzione dei prodotti per la pulizia entro il 2030, sostituendo cioè il petrolio nel processo di produzione.11Un’altra partecipata, Croda, si è spinta ancora più in là, con l’annuncio, in occasione della sua giornata degli investitori dedicata alla sostenibilità, di voler generare impatti positivi dal punto di vista di “clima, terra e persone” entro il 2030.12 Tramite lo sviluppo di soluzioni innovative, mira a risparmiare più carbonio di quanto ne emette e a preservare più terra di quanta ne utilizza per coltivare i suoi materiali di origine biologica. Uno degli obiettivi principali della strategia Global Sustainable Outcomes è quello di investire nelle aziende che contribuiscono positivamente al nostro tema della transizione energetica e climatica, aiutando così sia i governi che le società a raggiungere i loro obiettivi di emissioni zero e a combattere il cambiamento climatico.

Senfasi sul tema della sostenibilità: il Covid-19 evidenzia l’importanza di salute e benessere

All’inizio del lockdown mio marito ha tentato di comprare una nuova bicicletta, scrive Pauline Grange. Finalmente è riuscito ad acquistarne una dopo essere stato in lista d’attesa per sei mesi, poiché la domanda di biciclette è esplosa durante la pandemia. Improvvisamente vi erano sempre più persone che andavano in bicicletta e facevano jogging nel parco del nostro quartiere, al fine di migliorare il proprio benessere fisico e mentale per via dello stress causato dall’isolamento.

Alla luce dei rapporti che collegano la gravità del Covid-19 con l’obesità, non sorprende che molte persone stiano cercando di mantenersi in salute. Questi studi non hanno solo incentivato gli individui ad agire, ma probabilmente sproneranno anche i governi ad adottare strategie più proattive per combattere l’obesità e ridurre l’incidenza dei fattori di rischio per le malattie non trasmissibili (MNT), come ad esempio il diabete. Non solo le MNT sono correlate ai casi più gravi di Covid-19, ma rappresentano anche un onere crescente per i sistemi sanitari statali. In effetti, la nostra conoscenza dei sistemi sanitari è cresciuta significativamente nell’ultimo decennio. Uno studio pubblicato su Lancet a giugno 201813 ha rivelato che, com’era prevedibile, c’è una forte correlazione positiva tra la salute della popolazione e la spesa sanitaria pro capite. Tuttavia, ci sono diverse eccezioni degne di nota. Ad esempio, la spesa pro capite per l’assistenza sanitaria della Finlandia, che si colloca al sesto posto in termini di accesso e qualità del servizio, e dell’Italia (al nono sposto) è inferiore rispetto a quella Regno Unito (al 23° posto), nonostante i primi due paesi abbiano un punteggio più alto; gli Stati Uniti invece, che registrano la più alta spesa sanitaria pro capite al mondo, si collocano solo al 29° posto. Queste anomalie riscontrate in alcuni dei paesi più ricchi sono imputabili alle differenze culturali. Più del 70% degli americani è in sovrappeso o soffre di obesità,14 e la prevalenza dell’obesità grave è aumentata negli ultimi due decenni. La situazione non è molto diversa nel Regno Unito, dove il 67% degli uomini e il 60% delle donne sono considerati in sovrappeso.15

Gli alti tassi di obesità sono uno dei principali problemi di salute pubblica e anche una delle determinanti di malattie croniche legate alla dieta, come le malattie cardiovascolari, il diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro. Attualmente sei americani su 10 soffrono di una patologia cronica e quattro su 10 accusano due o più malattie croniche.14 La prevalenza di queste patologie croniche dipende da vari fattori, tra i quali spiccano le abitudini alimentari scorrette e la mancanza di attività fisica. Nel Regno Unito è ormai ampiamente riconosciuto che i più alti livelli di obesità contribuiscono al fatto che il paese evidenzi il più elevato tasso di mortalità da Covid-19 in Europa. Man mano che i governi si renderanno conto che i fattori culturali e legati allo stile di vita stanno più che annullando gli eventuali benefici incrementali legati alla spesa sanitaria pro capite supplementare, potremmo assistere a un cambiamento delle politiche volto a considerare queste aree, in particolare nell’ambito della crisi attuale. L’alimentazione è uno dei metodi più semplici di cui dispongono i governi per influenzare la salute pubblica e l’incidenza dell’obesità. In futuro, i cibi e le bevande meno salutari saranno probabilmente soggetti a crescenti restrizioni in termini di pubblicità, a tasse sullo zucchero e a maggiori avvertenze sulle etichette dei prodotti. È più probabile che tali misure verranno adottate nei paesi caratterizzati da una maggiore incidenza del diabete, un bilancio più grave legato al Covid-19 e sistemi sanitari pubblici più estesi. Il Regno Unito rappresenta un esempio recente al riguardo. A luglio Boris Johnson ha adottato una posizione più proattiva sull’obesità dopo aver contratto lui stesso il Covid-19. Le nuove misure proposte15 comprendono: il divieto di pubblicizzare gli alimenti ad alto contenuto di grassi, zucchero e sale in TV e su internet prima delle 21:00; la cancellazione delle promozioni di tipo “1+1 gratis” sugli alimenti poco salutari ad alto contenuto di sale, zucchero e grassi; l’indicazione delle calorie sui menù al fine di aiutare le persone ad effettuare scelte più sane quando mangiano fuori; e l’obbligo di segnalare le “calorie liquide” nascoste per le bevande alcoliche. Infine, una campagna aiuterà le persone a perdere peso, a mantenersi attive e a mangiare meglio. Uno stile di vita più attivo rappresenta anche uno strumento cruciale per combattere la crisi dell’obesità in tutto il mondo. L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che la carenza di attività fisica è uno dei principali fattori di rischio di mortalità a livello mondiale. Le campagne governative per aiutare le persone a perdere peso e a fare attività potrebbero rivelarsi fondamentali per invertire queste tendenze. Anche le società di abbigliamento sportivo come Adidas (una posizione nella nostra strategia) promuovono uno stile di vita più sano tramite le loro campagne di marketing e di sostegno alla comunità, ricavando al tempo stesso un beneficio economico. La strategia Global Sustainable Outcomes evita attivamente le società i cui prodotti e servizi alimentano la crisi dell’obesità e della salute, come le aziende produttrici di alcolici e i fast-food, dando invece la priorità alle imprese di beni di consumo i cui prodotti contribuiscono a una dieta e a uno stile di vita più sani. Se le politiche governative si dimostreranno efficaci, riteniamo che le società con un profilo migliore dal punto di vista sanitario risulteranno avvantaggiate, mentre quelle con portafogli meno salutari dovranno affrontare sfide e costi maggiori in futuro.

Focus sulle società T320

Abbiamo aperto una nuova posizione nella strategia: 16

Company Q2 2020 sustainable impact highlights
29 Novembre 2020
Pauline Grange and Jess Williams
Pauline Grange and Jess Williams
Gestore, Azioni globali & Analista di portafoglio, Investimento responsabile
Condividi articolo
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Condividi articolo
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Global Sustainable Outcomes Q3 2020

1Columbia Threadneedle Investments, 1 October 2020.

2 Mention of specific stocks should not be taken as a recommendation to buy./

3 Politico.eu, European Parliament backs 2030 emissions cuts of 60 percent, 7 October 2020.

4Gov.uk, New plans to make UK world leader in green energy, 6 October 2020

5 AsiaNikkai.com, South Korea joins Japan in making 2050 carbon-neutral pledge, 28 October 2020.

6BBC.co.uk, Climate change: China aims for ‘carbon neutrality by 2060’, 22 September 2020.

7Climatewatch PIK-PRIMAP historical – 2016 data.

8FT.com, JPMorgan Chase promises to shift portfolio away from fossil fuels, 7 October 2020.

9Recovery plan for Europe, European Union, May 2020.

10Unilever sets out new actions to fight climate change, and protect and regenerate nature, to preserve resources for future generations, Unilever.com, 15 June 2020.

11Unilever.com, Unilever to eliminate fossil fuels in cleaning products by 2030, 2 September 2020.

12Croda.com, Investor sustainability seminar, 20 October 2020.

11https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140- 6736(18)30994-2/fulltext

13https://digital.nhs.uk/data-and-information/publications/ statistical/statistics-on-obesity-physical-activity-and-diet/ england-2020

14https://www.cdc.gov/chronicdisease/resources/infographic/ chronic-diseases.htm

15The Guardian, Boris Johnson: obesity drive will not be ‘bossy or nannying’, 27 July 2020

Informazioni importanti

Il presente materiale è realizzato a scopi puramente informativi e non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Il riferimento a specifiche azioni o obbligazioni non deve essere considerato una sollecitazione all’acquisto. Le analisi riportate nel presente documento sono state effettuate da Columbia Threadneedle Investments ai fini delle proprie attività di gestione degli investimenti, potrebbero essere state utilizzate prima della pubblicazione ed essere state inserite nel presente documento per caso. Tutte le opinioni contenute nel presente documento sono valide alla data di pubblicazione, possono essere soggette a modifiche senza preavviso e non devono essere considerate una consulenza in materia d’investimento. Le informazioni provenienti da fonti esterne sono considerate attendibili ma non esiste alcuna garanzia in merito alla loro precisione o completezza. Il presente materiale include riflessioni su eventi futuri, tra cui previsioni di condizioni economiche e finanziarie a venire. Né Columbia Threadneedle Investments, né tanto meno alcuno dei suoi amministratori, dirigenti o dipendenti rilascia alcuna garanzia, dichiarazione o qualsivoglia altra assicurazione circa l’accuratezza di tali previsioni.

Analisi correlate

17 Gennaio 2022

Lorenzo Garcia

Head of Investment Solutions

Soluzioni nel 2022: un periodo determinante per l’inflazione e l’ESG

In un contesto di inflazione elevata e di crescente interesse per gli impatti ESG, vi è un cambiamento fondamentale nelle esigenze dei nostri clienti istituzionali e attivi nella consulenza.
Tempo di lettura - 2 min
4 Gennaio 2022

Edward Al-Hussainy

Senior Interest Rate and Currency Analyst

Maggiore chiarezza nel 2022: politica monetaria e curva dei rendimenti

Il sostegno offerto dalla politica monetaria è destinato a diminuire nel 2022. Esaminiamo le implicazioni di questo sviluppo per i tassi e la curva dei rendimenti.
Tempo di lettura - 5 min
4 Gennaio 2022

Toby Nangle

Global Head of Asset Allocation & Head of Multi-Asset, EMEA

Asset Allocation 2021/22: analisi e prospettive

Dopo la brusca recessione causata dal Covid-19 nel 2020, la crescita economica globale ha conosciuto una ripresa nel 2021.
Tempo di lettura - 5 min

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.