Aggiornamento multi-asset mensile: teniamo le carte che abbiamo
Insights

Aggiornamento multi-asset mensile: teniamo le carte che abbiamo

Nel gioco delle carte, quando un giocatore decide di tenere le carte che ha in mano, senza pescarne altre, si dice che “è servito”. L’espressione “essere servito” descrive bene anche il modo in cui, negli ultimi mesi, abbiamo gestito la nostra asset allocation, apportando pochi cambiamenti alle nostre preferenze generali. Rimaniamo dell’idea che, nei prossimi 12-18 mesi, i migliori rendimenti rettificati per il rischio arriveranno dalle azioni e dalle obbligazioni societarie, a patto di mantenere un atteggiamento prudente sulla core duration, e adottiamo un approccio neutrale nei confronti della liquidità, delle materie prime e degli immobili commerciali nel Regno Unito.

Figura 1: performance corretta per il rischio, gennaio 1998 – maggio 2021

Fonte: Bloomberg, maggio 2021

Nei primi cinque mesi dell’anno, questo posizionamento è stato ampiamente sostenuto dalla maggiore volatilità dei rendimenti dei mercati finanziari. I rendimenti corretti per la volatilità, o “Indice di Sharpe”, sono stati vigorosi e ben al di sopra delle rispettive mediane e medie aritmetiche nel caso delle azioni (e delle materie prime), ma estremamente deludenti per gli asset obbligazionari a lunga scadenza e, in particolare, per i titoli di stato (Figura 1)1. Abbiamo discusso fino alla nausea del motivo per cui riteniamo che i titoli di stato dei mercati avanzati siano una fonte di diversificazione del rendimento decisamente inadeguata. Con rendimenti ancora vicini ai minimi storici, che lasciano presagire livelli altrettanto bassi anche in futuro, e una crescente prodigalità fiscale, preferiamo ricorrere con moderazione all’esposizione alla duration sui fondi multi-asset.
I nostri investimenti “meno evidenti” in ampie categorie di classi di attivi hanno dato risultati più deludenti, in particolare in due ambiti. Hanno pesato, in primo luogo, la decisione di concentrare l’esposizione verso le azioni cicliche nei mercati emergenti asiatici e in Giappone, che hanno ottenuto risultati decisamente peggiori rispetto al Regno Unito e all’Europa e, in secondo luogo, la decisione di mantenere la medesima propensione per le obbligazioni societarie high yield e high grade, che hanno registrato rendimenti notevolmente differenti. Analizziamo singolarmente questi aspetti.

Verificare la tenuta delle azioni su base geografica

La performance deludente del Giappone e dell’Asia emergente è stata una sorpresa, data la maggiore sensibilità degli utili alla produzione industriale globale e l’esposizione ai titoli ciclici. Per esempio, i “beta” degli utili rispetto alla produzione industriale globale in entrambe le regioni sono il doppio di quelli dell’Europa e del Regno Unito2, anche grazie alla composizione più ciclica dei mercati asiatici rispetto al resto del mondo. In ogni caso, la ridotta partecipazione ai rally ciclici è spiegata da fattori idiosincratici, risultanti dall’effetto combinato di nuove ondate di Covid-19, di flussi interni poco favorevoli (alla luce della tipica prudenza stagionale degli analisti azionari giapponesi) e delle preoccupazioni per un brusco inasprimento delle politiche da parte della Cina nella seconda metà del 2020.
Tuttavia, dal momento che quest’ultimo fattore avrebbe sicuramente un profondo effetto destabilizzante per gli asset di rischio, ci aspettiamo che la stretta sarà solo moderata: le autorità hanno imparato la lezione dagli eccessivi inasprimenti del 2017 e 2018 e i nostri colleghi che si occupano dell’azionario asiatico accolgono con favore la migliorata qualità della crescita e degli utili in Cina a seguito delle recenti misure. Alla luce degli utili solidi e superiori al consenso previsti sia per l’anno in corso che per il prossimo (è molto probabile che, tra il 2020 e il 2022, gli utili di Asia e Giappone registrino una crescita media a due cifre, decisamente superiore rispetto all’Europa o al Regno Unito) e grazie a un prezzo competitivo a livello globale, abbiamo mantenuto le nostre esposizioni nei mercati più deboli (Figura 2).
Manteniamo un atteggiamento positivo anche nei confronti delle azioni statunitensi, in quanto la stagione delle trimestrali ha mostrato una solidità sorprendente. Gli utili delle aziende che compongono lo S&P 500 sono cresciuti del 50% su base annua, più del doppio rispetto al 24% previsto (valore già alto); fatto insolito, gli analisti hanno rivisto al rialzo le previsioni nel corso del trimestre. Come nel trimestre scorso, il mercato ha sfruttato la pubblicazione delle trimestrali per mettere a segno lievi incrementi del total return e per operare un ridimensionamento. I ricavi dello S&P 500 sono saliti del 10% rispetto a un anno fa, mentre le aspettative indicavano un incremento del 6% soltanto, e i nostri colleghi che si occupano dell’azionario USA segnalano rischi al rialzo sia per i ricavi che per la crescita degli utili per l’intero anno.
Figura 2: Quanto costa la crescita degli utili?
Fonte: Citi Research, Worldscope, MSCI, Factset, 24 maggio 2021. Il rosso indica le nostre regioni preferite. Nota: i dati riportati in figura si riferiscono alle società dell’indice MSCI AC World. La capitalizzazione di mercato per regioni, mercati e settori è rettificata per il flottante. Gli indicatori P/E, EPS Growth, P/B, Dividend Yield e ROE sono ricavati da dati di consenso Factset.

Approfondire il merito creditizio

Quest’anno, i rendimenti complessivi delle obbligazioni societarie high yield e high grade hanno avuto un andamento molto difforme. Questo è attribuibile in parte alla duration, che ha dato risultati deludenti e che ha un impatto decisamente maggiore sui titoli high grade a più lunga scadenza rispetto ai titoli high yield con duration più breve, ma anche alle diverse tendenze di fondo del rischio. Rettificando le esposizioni sui vari mercati per lo stesso livello di volatilità a 12 mesi (ad esempio, dello S&P 500), le obbligazioni high grade evidenziano la migliore performance corretta per il rischio, superando di gran lunga sia le azioni che le obbligazioni high yield.
Figura 3: Rendimenti complessivi, rettificati per la volatilità a 12 mesi, 2002-2021
Fonte: Bloomberg, 24 maggio 2021. Per creare serie storiche “a parità di rischio”, rettificare le esposizioni sui vari mercati in modo che la volatilità di ogni classe di attivi = vol. SPX a 12 mesi. Ripetere il mese successivo, ecc.
Dopo un primo trimestre debole, le obbligazioni high grade hanno segnato il passo per cui, alla luce del costante sostegno da parte delle banche centrali e dei significativi miglioramenti dei fondamentali societari sottostanti, abbiamo deciso di mantenere l’esposizione. Continuiamo a indirizzare i nostri investimenti verso il margine positivo offerto dalle obbligazioni high yield europee a più breve scadenza, che potrebbero essere favorite dal sostegno delle politiche messe in atto, dall’attuale ripresa congiunturale e dal miglioramento delle metriche di credito, oltre che dalle aspettative di default decisamente inferiori sia per l’anno in corso che per il prossimo, favorite dalla previsione di tassi di recupero più elevati.
Figura 4: Panoramica dell’asset allocation

Fonte: Columbia Threadneedle Investments, 24 maggio 2021.

28 Maggio 2021
Share article
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Share article
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

Aggiornamento multi-asset mensile: teniamo le carte che abbiamo

1 Risultato migliore per le azioni europee e britanniche dalla fine degli anni ‘90 e l’inizio del nuovo millennio, e risultato peggiore per i titoli di stato europei, i Gilt e i Treasury statunitensi nel medesimo periodo.
2 7-8 volte nei mercati emergenti asiatici e in Giappone rispetto a 3-4 in Europa e Regno Unito

Informazioni importanti

Il presente materiale è realizzato a scopi puramente informativi e non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Il riferimento a specifiche azioni o obbligazioni non deve essere considerato una sollecitazione all’acquisto. Le analisi riportate nel presente documento sono state effettuate da Columbia Threadneedle Investments ai fini delle proprie attività di gestione degli investimenti, potrebbero essere state utilizzate prima della pubblicazione ed essere state inserite nel presente documento per caso. Tutte le opinioni contenute nel presente documento sono valide alla data di pubblicazione, possono essere soggette a modifiche senza preavviso e non devono essere considerate una consulenza in materia d’investimento. Le informazioni provenienti da fonti esterne sono considerate attendibili ma non esiste alcuna garanzia in merito alla loro precisione o completezza. Il presente materiale include riflessioni su eventi futuri, tra cui previsioni di condizioni economiche e finanziarie a venire. Né Columbia Threadneedle Investments, né tanto meno alcuno dei suoi amministratori, dirigenti o dipendenti rilascia alcuna garanzia, dichiarazione o qualsivoglia altra assicurazione circa l’accuratezza di tali previsioni.

Analisi correlate

23 Novembre 2021

Paul Smillie

Analista del credito senior

Justin Ong

Senior Research Analyst, Asian Corporate Debt

Lin Jing Leong

Senior Sovereign Analyst, Emerging Market Asia

La Cina persegue l'autosufficienza in un contesto di rallentamento della crescita

La nuova strategia di crescita autosufficiente di Pechino deve bilanciare la stabilizzazione dei settori altamente indebitati, come l'immobiliare, con il mantenimento di un livello di occupazione sufficiente a preservare la stabilità sociale. Nel 2021 le sorprese politiche hanno colto impreparati gli investitori, ma ci sono opportunità di investimento in linea con le priorità politiche
Tempo di lettura - 7 min
10 Novembre 2021

Heiko Schupp

Global Head Of Infrastructure Investments

Benjamin Kelly

Senior Analyst, Global Research

L’idrogeno verde mostra finalmente il suo vero colore

L’interesse nei confronti dell’idrogeno verde in quanto alternativa pulita ai combustibili fossili tradizionali resta molto elevata, e nell’ultimo anno sono aumentate le probabilità di una sua adozione più diffusa.
Tempo di lettura - 3 min
1 Novembre 2021

Natalia Luna

Senior Thematic Investment Analyst, Responsible Investment

Matthew van de Schootbrugge

Gestore di portafoglio

Sharon Vieten

Investment Grade credit analyst, Fixed Income

Jess Williams

Portfolio Analyst, Responsible Investment

Impennate dei prezzi dell'elettricità in Europa

I mercati europei dell'energia hanno fatto le prime pagine dei giornali, con costi dell'elettricità alle stelle e un'escalation delle tensioni geopolitiche, mentre si registrano quotidianamente fallimenti tra i distributori di energia nel Regno Unito.
Tempo di lettura - 3 min

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.