2021: Bisogna avere fede... nei tassi di sconto bassi
Insights

2021: Bisogna avere fede… nei tassi di sconto bassi

  • Quando l’economia subiva l’enorme shock sincronizzato del Covid-19 e le autorità reagivano con risposte politiche altrettanto vaste e sincronizzate, noi e la maggior parte dei nostri colleghi abbiamo ridotto notevolmente le nostre aspettative sulla crescita economica e degli utili societari per il 2020.
  • Da allora, tre sviluppi hanno sconvolto nuovamente gli equilibri, questa volta avvantaggiando strumenti ciclici selezionati nell’ambito di un budget di rischio più neutrale: l’esito elettorale statunitense relativamente favorevole; le notizie di un numero di vaccini molto superiore alle previsioni e decisamente più efficaci di quanto atteso; e infine le contrazioni economiche nel 2020 rivelatesi meno gravi del previsto, che hanno portato alla formulazione di previsioni di ripresa economica e degli utili “a forma di V”.
  • Abbiamo posto l’enfasi sull’ampliamento delle esposizioni
    nei mercati azionari giapponesi e nei listini asiatici
    emergenti, abbinate alle posizioni nelle azioni statunitensi.
    Continuiamo inoltre a prediligere i mercati del credito;
    con la normalizzazione degli spread stiamo in particolare
    rafforzando le esposizioni in sterline e dollari nel credito
    ad alto rendimento, che dovrebbe anche beneficiare di un
    miglioramento del quadro ciclico e del proseguimento delle
    politiche ultra-accomodanti. Queste sono le aree che a nostro
    avviso dovrebbero offrire i migliori rendimenti corretti per il
    rischio nei prossimi 12-18 mesi.
  • Gli scenari di base di Columbia Threadneedle prevedono un tetto del 2% per i rendimenti statunitensi a 30 anni e dell’1% per quelli a 10 anni, il che dovrebbe creare condizioni favorevoli per rialzi più duraturi degli attivi di rischio.
Ne abbiamo fatta di strada, sia i mercati finanziari che noi, dai giorni cupi della primavera sino ai giorni più rosei (malgrado la stagione) dell’inverno. A marzo, quando l’economia subiva l’enorme shock sincronizzato del Covid-191 e le autorità reagivano con risposte politiche altrettanto vaste e sincronizzate, noi e la maggior parte dei nostri colleghi abbiamo ridotto notevolmente le nostre aspettative sulla crescita economica e degli utili societari per il 2020.
Malgrado le misure di stimolo, lo shock a breve termine dovuto alle “improvvise interruzioni” dell’attività economica si prospettava immane. Abbiamo tuttavia anche aumentato significativamente la nostra esposizione agli attivi rischiosi di elevata qualità nei fondi multi-asset, mantenendola sino alla fine dell’estate e realizzando guadagni superiori alla media in aree che presentavano forti squilibri di prezzo2 e apparivano adeguatamente posizionate per beneficiare di politiche ultra-accomodanti, come la fascia alta delle obbligazioni investment grade e le azioni di elevata qualità.

Abbiamo posto l’enfasi sull’ampliamento delle esposizioni nei mercati azionari giapponesi e nei listini asiatici emergenti, abbinate alle posizioni nelle azioni statunitensi. Continuiamo inoltre a prediligere i mercati del credito

Avvicinandoci a oggi, nei giorni più rosei di novembre, tre sviluppi hanno sconvolto nuovamente gli equilibri, questa volta però avvantaggiando strumenti ciclici selezionati nell’ambito di un budget di rischio più neutrale. In primo luogo, l’esito elettorale statunitense relativamente favorevole, che ha rimosso i rischi estremi, portando con sé un imprevisto sollievo sul versante fiscale; in secondo luogo, le notizie di un numero di vaccini molto superiore alle previsioni e decisamente più efficaci di quanto ci attendessimo noi e la maggior parte dell’opinione pubblica; Infine, sviluppo certo non meno importante degli altri, le contrazioni economiche nel 2020 rivelatesi meno gravi del previsto, che hanno portato alla formulazione di previsioni di ripresa economica e degli utili “a forma di V” in aree come Stati Uniti e Giappone, mentre i mercati asiatici emergenti si sono lasciati rapidamente alle spalle le turbolenze dovute al Covid-19. Quest’ultimo fattore potrebbe rivestire meno importanza per gli investitori proiettati al futuro che guardano oltre la seconda ondata del virus e l’inasprirsi delle misure di contenimento, ma pone le basi per una ripresa più sostenibile.
Abbiamo posto l’enfasi sull’ampliamento delle esposizioni nei mercati azionari giapponesi e nei listini asiatici emergenti, abbinate alle posizioni nelle azioni statunitensi. Continuiamo inoltre a prediligere i mercati del credito; con la normalizzazione degli spread stiamo in particolare rafforzando le esposizioni in sterline e dollari nel credito ad alto rendimento, che dovrebbe anche beneficiare di un miglioramento del quadro ciclico e del proseguimento delle politiche ultra-accomodanti. Queste sono le aree che a nostro avviso dovrebbero offrire i migliori rendimenti corretti per il rischio nei prossimi 12-18 mesi. Bisogna tuttavia confidare in tassi di sconto bassi per giustificare le attuali quotazioni di mercato, malgrado i fattori positivi appena descritti.
Da un lato, la combinazione di titoli growth di qualità statunitensi e di titoli ciclici di qualità asiatici ci consentirà di beneficiare della crescita degli utili nel prossimo biennio. Tale crescita sarà particolarmente notevole in Asia, caratterizzata da una leva operativa; inoltre da qui al 2022 gli utili dovrebbero crescere a un tasso composto del 10% in Giappone e di oltre il 17% nei mercati emergenti asiatici, a fronte degli stessi multipli prospettici nel Regno Unito, dove gli utili dovrebbero aumentare dello 0,25%. L’Asia è avvantaggiata anche da condizioni monetarie interne accomodanti. In Cina, l’impulso al credito ha ad esempio appena superato i massimi del 2016 ed è a un soffio dai livelli del 2012/13.3
Dall’altro lato, le valutazioni sono eque e il 40% dei mercati finanziari attualmente si trova a più di una deviazione standard al di sopra delle medie di lungo termine,4 uno dei principali motivi per cui siamo meno ottimisti di quanto non fossimo a inizio anno sui profili di rischio e rendimento. Le valutazioni degli indici azionari hanno raggiunto livelli stratosferici rispetto ai loro valori storici in base a una serie di parametri, e lo yield-to-worst delle obbligazioni societarie high yield è prossimo ai minimi assoluti. In altre parole, i costi di finanziamento delle società sono estremamente convenienti.

nostri scenari di base prevedono un tetto del 2% per i rendimenti statunitensi a 30 anni e dell’1% per quelli a 10 anni, il che dovrebbe creare condizioni favorevoli per rialzi più duraturi degli attivi di rischio

Gli scenari di base di Columbia Threadneedle prevedono un tetto del 2% per i rendimenti statunitensi a 30 anni e dell’1% per quelli a 10 anni, il che dovrebbe creare condizioni favorevoli per rialzi più duraturi degli attivi di rischio. Allo stesso tempo, un disancoramento dei rendimenti a più lungo termine rappresenta uno dei rischi maggiori.

Figura 1: Panoramica dell’asset allocation con evidenziazione di recenti
importanti modifiche

Fonte: Columbia Threadneedle Investments, 8 dicembre 2020.
21 Dicembre 2020
Maya Bhandari
Maya Bhandari
Gestore Multi Asset
Share article
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati
Share article
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Argomenti principali
Argomenti correlati

PDF

2021: Bisogna avere fede… nei tassi di sconto bassi

1 Ricordiamo a titolo di esempio che gli indici dei responsabili degli acquisti sono precipitati a livelli mai visti prima, nemmeno durante il biennio 2008-09, che in soli due mesi il tasso di disoccupazione statunitense è schizzato dai minimi degli ultimi 50 anni sino quasi ai massimi degli ultimi 80 anni,
e che nel 2020 l’economia britannica subirà probabilmente la maggiore contrazione registrata negli ultimi 300 anni.
2 A marzo, le obbligazioni IG globali incorporavano un premio per il rischio d’insolvenza pari a 50 volte il tasso storico, beneficiando al contempo in maniera molto diretta della straordinaria varietà delle politiche monetarie statunitensi, britanniche ed europee. Le quotazioni di svariati indici azionari erano
scese al o in prossimità del valore contabile, trascinate fino al valore di realizzo degli attivi in liquidazione.
3 Analisi di Bloomberg/Columbia Threadneedle, dicembre 2020.
4 CAnalisi di Columbia Threadneedle, dicembre 2020.

Informazioni importanti

Il presente materiale è realizzato a scopi puramente informativi e non costituisce un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia titolo o altro strumento finanziario, né alla fornitura di servizi o consulenza in materia di investimenti. Il riferimento a specifiche azioni o obbligazioni non deve essere considerato una sollecitazione all’acquisto. Le analisi riportate nel presente documento sono state effettuate da Columbia Threadneedle Investments ai fini delle proprie attività di gestione degli investimenti, potrebbero essere state utilizzate prima della pubblicazione ed essere state inserite nel presente documento per caso. Tutte le opinioni contenute nel presente documento sono valide alla data di pubblicazione, possono essere soggette a modifiche senza preavviso e non devono essere considerate una consulenza in materia d’investimento. Le informazioni provenienti da fonti esterne sono considerate attendibili ma non esiste alcuna garanzia in merito alla loro precisione o completezza. Il presente materiale include riflessioni su eventi futuri, tra cui previsioni di condizioni economiche e finanziarie a venire. Né Columbia Threadneedle Investments, né tanto meno alcuno dei suoi amministratori, dirigenti o dipendenti rilascia alcuna garanzia, dichiarazione o qualsivoglia altra assicurazione circa l’accuratezza di tali previsioni.

Analisi correlate

23 Novembre 2021

Paul Smillie

Analista del credito senior

Justin Ong

Senior Research Analyst, Asian Corporate Debt

Lin Jing Leong

Senior Sovereign Analyst, Emerging Market Asia

La Cina persegue l'autosufficienza in un contesto di rallentamento della crescita

La nuova strategia di crescita autosufficiente di Pechino deve bilanciare la stabilizzazione dei settori altamente indebitati, come l'immobiliare, con il mantenimento di un livello di occupazione sufficiente a preservare la stabilità sociale. Nel 2021 le sorprese politiche hanno colto impreparati gli investitori, ma ci sono opportunità di investimento in linea con le priorità politiche
Tempo di lettura - 7 min
10 Novembre 2021

Heiko Schupp

Global Head Of Infrastructure Investments

Benjamin Kelly

Senior Analyst, Global Research

L’idrogeno verde mostra finalmente il suo vero colore

L’interesse nei confronti dell’idrogeno verde in quanto alternativa pulita ai combustibili fossili tradizionali resta molto elevata, e nell’ultimo anno sono aumentate le probabilità di una sua adozione più diffusa.
Tempo di lettura - 3 min
1 Novembre 2021

Natalia Luna

Senior Thematic Investment Analyst, Responsible Investment

Matthew van de Schootbrugge

Gestore di portafoglio

Sharon Vieten

Investment Grade credit analyst, Fixed Income

Jess Williams

Portfolio Analyst, Responsible Investment

Impennate dei prezzi dell'elettricità in Europa

I mercati europei dell'energia hanno fatto le prime pagine dei giornali, con costi dell'elettricità alle stelle e un'escalation delle tensioni geopolitiche, mentre si registrano quotidianamente fallimenti tra i distributori di energia nel Regno Unito.
Tempo di lettura - 3 min

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.