Visita all'Adidas LDN store: enfasi sulla sostenibilità
World in Motion – Blog azionario globale

Visita all’Adidas LDN store: enfasi sulla sostenibilità

Poco prima di Natale ho visitato il nuovo flagship store Adidas di Oxford Street, a Londra. Volevo capire in che modo l’azienda stesse modificando l’esperienza di vendita al dettaglio fisica e come la sostenibilità e l’innovazione dei prodotti, entrambe priorità per il marchio, trovano espressione nei punti vendita.

Le statistiche del nuovo negozio sono impressionanti: quattro piani, quasi 25.000 mq di superficie calpestabile, oltre 100 touchpoint digitali, il tutto interamente alimentato da energie rinnovabili1.

Entrando mi sono subito resa conto che non si sarebbe trattato di una normale visita a un negozio. All’ingresso era esposta la gamma di calzature 4D: scarpe da ginnastica su misura in edizione limitata, stampate in 3D nelle “speed factory” di Adidas, che usano l’automazione per ridurre i tempi di produzione a circa due settimane.

Ma ciò che più ha catturato il mio interesse è stata un’ampia area dedicata alla mia destra, che illustrava le iniziative dell’azienda in materia di sostenibilità. L’enfasi su questo aspetto è diventata sempre più importante per le società produttrici di beni di consumo, dal momento che i clienti tendono a preferire i marchi che cercano di migliorare il loro impatto ambientale e sociale.

Instalation in one of the Adidas's store
Le bottiglie di plastica utilizzate per questa installazione rappresentano la quantità di plastica raccolta nel Tamigi in un mese.
Fonte: Pauline Grange, dicembre 2019.

L’obiettivo principale di Adidas consiste nel progettare, produrre e vendere i prodotti sportivi migliori e più innovativi al mondo, in modo sempre più sostenibile, spaziando dalla gestione best in class delle catene di produzione all’innovazione attraverso un processo più “circolare”. Per le società produttrici di beni di consumo come Adidas, ciò significa iniziare a interessarsi in misura crescente al destino dei loro prodotti a fine vita, consentendo alla clientela di riciclarli e riutilizzandone il materiale anziché ricorrere a nuove materie prime per la produzione successiva.

Questo è anche il primo punto vendita Adidas ad avere un “esperto di sostenibilità” interno: un giovane di nome Basil che mi ha gentilmente accompagnato a fare il giro del negozio. Basil non ha fatto mistero della sua passione e delle sue conoscenze nell’ambito della sostenibilità nel settore delle vendite al dettaglio e mi ha parlato con entusiasmo delle principali iniziative ambientali di Adidas, in particolare della collaborazione con Parley per utilizzare i rifiuti in materiale plastico raccolti nelle aree costiere per produrre la gamma di abbigliamento e calzature “adidas x Parley”. Questa partnership ha impedito che oltre 3.000 tonnellate di plastica finissero negli oceani, consentendo la produzione di scarpe composte per almeno il 75% da rifiuti plastici e poliestere riciclato, che richiede un uso ridotto di prodotti chimici.

Nel 2019 Adidas ha prodotto circa 11 milioni di scarpe riciclando i rifiuti raccolti negli oceani (il doppio rispetto al totale del 2018) e si è impegnata a eliminare la plastica vergine dai suoi prodotti entro il 2024, un obiettivo esposto con orgoglio nel punto vendita. Inoltre, nei suoi prodotti usa “cotone sostenibile” al 100%, ossia cotone biologico o prodotto secondo gli standard della Better Cotton Initiative (BCI).

Ma ciò che mi ha colpito maggiormente è l’impegno della società per passare dalla produzione “lineare” a una interamente “circolare”. I codici QR nel negozio permettono di scaricare l’app Adidas. Una volta effettuato il log in, quest’ultima mostra un elenco di tutti gli acquisti effettuati dall’utente e del relativo valore di rivendita. Quando i prodotti vengono riportati al negozio, Adidas versa l’importo in buoni sconto e rivende, ripara o riutilizza i materiali per evitare che finiscano nelle discariche.

Nel punto vendita è esposta con orgoglio anche la più recente innovazione del marchio nel segmento delle calzature sostenibili: FUTURECRAFT.LOOP, un modello di scarpe da corsa ad alte prestazioni riciclabile al 100%, che la società può suddividere per produrre un nuovo paio di scarpe. L’obiettivo è lanciare questo prodotto sul mercato entro il 2021.

Picture showing Adidas recyclable performance running shoe

Fonte: Pauline Grange, dicembre 2019.

Ma l’enfasi sulla sostenibilità è evidente nell’intero negozio, non solo in questo espositore dedicato. Dalle grucce e le panchine per i clienti, che sono interamente riciclabili e prodotte con materiale riciclato, ai distributori che la clientela può usare per riempire le bottiglie d’acqua, Adidas ha fatto un ottimo lavoro di integrazione della sostenibilità.

Naturalmente, la maggiore sostenibilità del marchio non riguarda solo l’ambiente: anche il sociale è un aspetto essenziale. Adidas promuove anche la diversità e l’inclusione, spaziando dai prodotti che progetta, come il reggiseno da mastectomia con supporto specialistico, al modo di esporre la merce, con l’uso di manichini anche di tipo plus-size in questo punto vendita.

Con l’ascesa dell’e-commerce, integrare il digitale è essenziale per migliorare l’esperienza in-store dei clienti, e nel suo flagship store Adidas ha ottenuto un ottimo risultato su questo fronte. Ad esempio, in tutto il negozio sono esposti codici QR che permettono ai consumatori di interagire con il marchio, mentre usando la tecnologia RFID presente negli indumenti e nelle scarpe i clienti possono comunicare digitalmente con gli schermi presenti nei camerini di prova.

Un’altra importante tendenza nel settore delle vendite al dettaglio è la personalizzazione, e questo punto vendita Adidas vanta un impressionante laboratorio, denominato MakerLab, in cui gli assistenti aiutano i clienti a personalizzare i loro acquisti. Ho personalizzato una tuta Adidas per mia figlia facendo applicare le sue iniziali, è stato un bellissimo regalo di Natale.

In sintesi, il nuovo flagship store di Adidas è un esempio dell’evoluzione della distribuzione al dettaglio tradizionale nell’attuale contesto di mercato. I negozi fisici sono fondamentali sia per le società produttrici di beni di consumo, che li usano per esporre i loro marchi, sia per i clienti, che possono provare ed esplorare i loro prodotti. Tuttavia, per avere successo questi punti vendita devono offrire ai clienti un’esperienza in-store superiore, integrando trend essenziali come il digitale, la sostenibilità e la personalizzazione. Con questo nuovo negozio, Adidas rappresenta un esempio di questa tendenza e, se siete nei pressi di Oxford Street, vi consiglio di farci un salto per vederlo con i vostri occhi.

1 Febbraio 2020
Condividi l’articolo
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Febbraio 2020
Condividi l’articolo
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

1 Fonte per questo e per tutti i dati in questo articolo: Adidas.com, dicembre 2019.

Informazioni Importanti

Riservato esclusivamente ad investitori professionali e/o qualificati (da non destinarsi agli investitori retail). I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il capitale è a rischio. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivanti non sono garantiti, possono sia aumentare che diminuire nonché risentire delle oscillazioni dei tassi di cambio. Di conseguenza, gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito. Le ricerche e le analisi riportate nel presente documento sono state effettuate da Columbia Threadneedle Investments ai fini delle proprie attività di gestione degli investimenti, potrebbero essere state utilizzate prima della pubblicazione ed essere state inserite nel presente documento per caso. Tutte le opinioni contenute nel presente documento sono valide alla data di pubblicazione e possono essere soggette a modifiche senza preavviso. Le informazioni provenienti da fonti esterne sono considerate attendibili ma non esiste alcuna garanzia in merito alla loro precisione o completezza. Il riferimento a specifiche azioni o obbligazioni non deve essere considerato una sollecitazione all’acquisto. Pubblicato da Threadneedle Asset Management Limited (“TAML”). Registrata in Inghilterra e Galles, numero di iscrizione 573204. Cannon Place, 78 Cannon Street, Londra EC4N 6AG, Regno Unito. Autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority. Columbia Threadneedle Investments è il marchio commerciale globale del gruppo di società di Columbia e Threadneedle.

Post del blog correlati

Potrebbero interessarti anche

Approccio d'investimento

Il lavoro di squadra ci differenzia ed è fondamentale per il nostro processo di investimento, che è strutturato per facilitare la valutazione, la generazione e l’attuazione di buone e solide idee di investimento per i nostri portafogli.

Fondi e Prezzi

Columbia Threadneedle Investments offre una gamma completa di fondi di investimento che rispondono ad un’ampia scelta di obiettivi.

Capacità d'Investimento

Offriamo una vasta gamma di strategie e soluzioni d’investimento a gestione attiva che coprono mercati e classi di attività a livello globale, regionale e nazionale.